Luglio 5, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il sospetto Donnie M.


disse Donnie M. , l’uomo sospettato di essere coinvolto nella morte di Gino, il bambino di nove anni il cui corpo è stato ritrovato sabato mattina a Jilin, nel Limburgo olandese, martedì mattina a Roermond, nei Paesi Bassi, lunedì mattina. Portavoce della Procura di Maastricht.

Secondo le informazioni di HLN, il sospettato aveva fatto le sue prime vittime all’età di dodici anni, nell’affido gestito dalla madre adottiva. Era una donna di Sittard, madre di una delle presunte vittime, a testimoniare sulle colonne dei nostri colleghi, spiegando che all’epoca “Donnie era troppo giovane per essere punito”.

Sono passati dieci anni da quando ha affidato la custodia di suo figlio alla madre di Donnie. “Ho lasciato il mio bambino in questo asilo nido per la prima volta quando aveva tre mesi. Era pratico, perché lavoravo di notte”, dice. Ma la madre della famiglia ha notato, poco prima del primo compleanno di suo figlio, che quando andava a prenderlo, “i suoi genitali a volte erano irritati”. “È stata aperta un’indagine e Donnie ha confessato quasi immediatamente”, aggiunge la donna. Inoltre, secondo lei, Donnie ha affermato all’epoca di avere problemi con la sua sessualità e che i suoi genitori non hanno fatto nulla per aiutarlo. “Così ha iniziato ad attaccare i bambini”, dice.

Una testimonianza molto inquietante, poco dopo la morte del piccolo Gino. Secondo il testimone, i genitori di Donnie hanno sempre sottovalutato quello che stava facendo. “Hanno detto che non poteva essere vero, che Donnie non sapeva cosa stesse dicendo”, ha detto la madre della vittima. “Donnie era troppo giovane per essere punito. Tutti mi consigliavano di non andare avanti e fare altri passi. Ho dovuto consolarmi dicendomi che la sua madre adottiva non poteva più prendersi cura dei bambini e che Donnie non era più una vittima ”, ammette la sig.

READ  Guerre en Ucraina : la Russie rappresenta la coscription militaire en plein conflit en Ucraina

Ma oggi, con il caso del giovane Gino, la madre di famiglia si sente in colpa. “Sono molto arrabbiata e provo molto senso di colpa. E se in quel momento fossi andata oltre? Gli altri bambini si sarebbero salvati? Gino sopravviverà?” grida la madre.