Giugno 29, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Boris Johnson dovrà affrontare una mozione di sfiducia dal suo partito stasera dopo gli scandali delle vacanze di Downing Street


Il primo ministro britannico Boris Johnson, indebolito da mesi di scandali durante le vacanze a Downing Street durante il blocco, lunedì sera dovrà affrontare un voto di sfiducia da parte dei parlamentari del Partito conservatore.

“La soglia del 15% dei parlamentari che chiedono un voto di fiducia al leader conservatore è stata superata”, ha affermato in un comunicato stampa Graham Brady, presidente della commissione del 1922 responsabile degli affari di regolamentazione interna. Le votazioni si svolgeranno tra le 18:00 e le 20:00 ora locale (17:00 e 19:00 GMT) e il risultato sarà annunciato immediatamente dopo.

Ci sono volute 54 lettere di membri del Parlamento per avviare questa votazione. Se il primo ministro lo perde, inizieranno le elezioni interne per nominare un nuovo leader del partito, che sarà primo ministro. Se vince, non può essere soggetto a un altro impeachment per un anno.

“(Il voto) di stasera offre l’opportunità di porre fine a mesi di speculazioni e consentire al governo di porre fine e andare avanti rispondendo alle priorità del popolo”, ha risposto il portavoce di Boris Johnson in una nota.

“Il Primo Ministro accoglie con favore l’opportunità di presentare il suo caso ai parlamentari e ricorderà loro che non esiste una forza politica più potente di quando si uniscono e si concentrano su questioni che preoccupano l’elettorato”.

READ  Al centro dello scambio Biden-Putin, le intenzioni della Russia in Ucraina

Lungi dal porre fine allo scandalo che affligge il governo conservatore per sei mesi, la pubblicazione la scorsa settimana di un rapporto di gestione che dettaglia l’entità delle violazioni delle regole anti-Covid a Downing Street ha portato a nuove richieste di dimissioni, annunciate in equivoci. Addio.

Boris Johnson, che a sua volta è stato multato (cosa inaudita per un primo ministro in carica), ha affermato di essersi preso “la piena responsabilità di tutto ciò che è accaduto” ma ha sentito di dover “continuare” il suo lavoro.

Lo scandalo, insieme ai prezzi elevati che hanno causato un calo storico del potere d’acquisto delle famiglie, aveva già fatto precipitare la sua popolarità, provocando gravi battute d’arresto per i conservatori alle elezioni locali di inizio maggio. Si è preservato evidenziando in particolare il suo ruolo di primo piano nella risposta occidentale all’invasione russa dell’Ucraina.

Finora è stato favorito a causa della mancanza di un chiaro successore nelle file dei conservatori, che sono al potere da 12 anni nel Regno Unito.