Aprile 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Sanctuary Project vuole lasciare una traccia dell'umanità sulla luna

Il Sanctuary Project vuole lasciare una traccia dell'umanità sulla luna

Il progetto Sanctuary, avviato dall'ingegnere francese Benoit Faivelle, prevede di depositare elementi della cultura umana sulla Luna per le generazioni future. Il lancio è previsto a bordo del razzo Artemis della NASA nel 2027.

Un’eredità per le generazioni future. Il progetto santuario sulla luna, Il progetto, ideato dall'ingegnere francese Benoit Faivelle, mira a inviare sulla Luna una capsula del tempo contenente le conoscenze di base su tutta l'umanità.

“Speriamo di inviare un saluto cosmico alle generazioni future o a tutti i visitatori provenienti da altrove”, spiega a BFMTV Benoit Faivelle, fondatore di Sanctuary.

In collaborazione con la NASA, la capsula del tempo Sanctuary raggiungerà la superficie lunare entro il 2027 come parte del programma Artemis e rimarrà lì per milioni di anni a venire.

24 tavolette di rubino

A bordo, 24 dischi di zaffiro da 100 millimetri di diametro e un millimetro di spessore saranno collocati in un contenitore di alluminio. Ognuno è inciso su scala nanometrica, riunendo conoscenze tratte dalla matematica, dalla cultura, dalla paleontologia, dall'arte e persino dalla scienza.

Una grande caratteristica di questi dischi è che conterranno anche i genomi completi di un uomo e di una donna non identificati, selezionati in doppio cieco dai genetisti. “Questa è la prima volta nella storia che la nostra ricetta biologica viene inviata nello spazio”, afferma Benoit Faivelli.

Disco “Espace” dal progetto Sanctuary on the Moon. – Il santuario sulla luna
Ingrandire lo spazio su disco. Una raccolta di mappe celesti realizzate in diversi momenti della storia. – Il santuario sulla luna

Una sintesi della cultura umana, con l'obiettivo di raccontare la storia dell'umanità: “Chi siamo, cosa sappiamo e cosa facciamo”, il tutto con alcuni elementi del nostro patrimonio selezionati dal team del Santuario.

READ  Ricercatori lungo il percorso verso il qubit quantistico "perfetto".

Una “responsabilità” che a volte si è rivelata “schiacciante”, come ci racconta Benoit Faivelli. Spiega: “Ho sentito questo peso sulle mie spalle molto presto, ma dopo si è allentato un po', perché sapevo che questo progetto non poteva essere realizzato senza la partecipazione di scienziati e artisti”.

Il progetto del Santuario riunisce ingegneri, astrofisici, paleontologi, cosmologi e artisti di fama, un team interdisciplinare supportato da organizzazioni come CNES, CEA, INRIA, BCGSC e UNESCO.

“Sanctuary vuole trarre ispirazione dal passato con strumenti del presente, pensando all’archeologia del futuro”, riassume Benoit Faivelli.

Apri la strada

L'ingegnere insiste che il progetto è ambizioso, ma non pretende di essere una “enciclopedia della conoscenza”. Se ogni disco rappresenta molti aspetti della nostra civiltà, non dovremmo considerarli come archivi destinati semplicemente a riferimento.

“L’idea è mostrare fin dove può arrivare la nostra conoscenza e lasciare la porta aperta ad altre possibilità”, spiega, “È un lavoro collettivo che si costruisce nel tempo”.

“È lo scopritore che dovrà scrivere il resto”, ritiene Benoit Faivelle.

È la prima volta in 46 anni che l'agenzia spaziale americana sceglie un progetto di questo tipo. “Siamo fiduciosi che questo archivio di conoscenze sulla Luna gestito a livello internazionale sarà una fonte di ispirazione oggi e per le generazioni a venire”, ha affermato in una nota il vice amministratore della NASA Joel Kearns. dichiarazione.

“Ci siamo chiesti quale sia il posto migliore per condividere la conoscenza umana nel corso di miliardi di anni”, spiega l'astrofisico Jean-Philippe Ozanne, coinvolto nel progetto. Quando prendiamo in considerazione la crisi climatica, i fenomeni naturali o la storia, ci rendiamo conto che le civiltà sono sul punto di scomparire, ma la Luna è un luogo stabile, senza erosione o inondazioni, e le persone raramente ci vanno.

E aggiunge: “Speriamo che un giorno gli esseri umani ritornino sulla Luna e che la nostra conoscenza possa essere loro utile”.

Attraverso questo progetto, il team del Santuario spera di creare “qualcosa” per le generazioni future. “Anche se il 100% della popolazione non si commuoverà grazie al progetto, se ne raggiungeremo almeno uno, sarà una vittoria”, dice raggiante Benoit Faivelle.

READ  St. André Health Centre: I tirocinanti ti esaminano

I più letti