Aprile 17, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Filmati mai visti prima della formazione della testa dello squalo martello

Filmati mai visti prima della formazione della testa dello squalo martello

La maggior parte delle specie di squali sono ancora sconosciute agli scienziati. L’accesso al loro spazio vitale è raro e monitorare la crescita dei loro piccoli è ancora più raro. Immagini di embrioni di squalo martello (Il nostro ambasciatore Tiburo) che questo team di biologi è riuscito a catturare è quindi eccezionale, e permette per la prima volta di studiare la strana evoluzione della loro caratteristica testa.

La biologia dello sviluppo è la disciplina che si concentra sui meccanismi di crescita degli organismi viventi, al fine di comprenderne la diversità. Una tecnica di studio prevede il monitoraggio dello sviluppo in tempo reale, pratica spesso praticata su specie che depongono uova, come alcune specie di squali. Ma come studiare lo sviluppo embrionale di una specie di squalo magnifica come lo squalo martello, quando sappiamo che non depone uova? Un team di ricercatori americani Sono riusciti a sollevare il velo sul segreto della composizione delle loro strane teste e hanno condiviso le loro foto mai viste prima.

“Nessuno squalo è stato sacrificato per il nostro studio.”

squalo martello (Il nostro ambasciatore Tiburo) Non depone uova: lo è viviparesviviparesCome gli umani. Ognuno dei 16 EmbrioniEmbrioni Cresce Nel grembo maternocollegato alla madre da A il cordone ombelicaleil cordone ombelicale. I piccoli nati, con una lunghezza media di 40 cm, sono completamente indipendenti e pronti a sopravvivere da soli. Ma allora, come possiamo osservare il feto di uno squalo martello se si sviluppa nel grembo materno?

Un team di ricercatori in Florida ha recuperato embrioni di femmine di squalo adulte, catturate come parte di studi sulla popolazione al largo delle coste del Golfo e dell'Atlantico della Florida. Queste femmine erano tra i pochi individui che non sopravvivevano al processo di marcatura, che di solito precedeva il loro rilascio. Sono stati deliberatamente conservati, così come i loro embrioni – che comunque non sarebbero sopravvissuti – per scopi scientifici. Gareth FraserIl biologo dello sviluppo responsabile di questo studio specifica: Nessuno squalo è stato sacrificato per il nostro studio I ricercatori hanno potuto studiare un totale di 177 embrioni e hanno creato un modello Grafico della crescita visiva : Il primo per gli squali martello. Questo lavoro ha permesso loro di studiare le fasi cruciali dello sviluppo, in particolare il momento preciso in cui il feto sviluppa la caratteristica forma della testa.

READ  requisiti degli operatori sanitari

Perché questa testa ha la forma di un martello?

Questo piccolo squalo che vive nell'Oceano Atlantico occidentale è noto come “testa dal cofano” per le sue dimensioni relativamente piccole e il martello arrotondato, ma in realtà fa parte di un piccolo squalo. Un insieme di otto tipi Appartengono all'ordine Carcharhiniformes e hanno tutti questa testa a forma di martello. Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, si tratta di una particolare conformazione idrodinamica, che permette a questi grandi predatori di farlo Girati rapidamente e inchioda la preda. Gli scienziati ritengono che le loro teste si siano evolute in una forma ampia e piatta per migliorare la loro sensibilità: il posizionamento occhiocchi Su entrambi i lati consente di ampliare il campo visivo e la diffusione delle capsule nasali migliora le capacità olfattive. Inoltre viene amplificato anche il loro “sesto senso”, le ampolle di Lorenzini, permettendo loro di Rilevazione del campo elettromagnetico – essendo In realtà Distribuiti su tutta la larghezza della testa.

Questo nuovo lavoro mostra ancora una volta che l'oceano nasconde molte meraviglie, ognuna con modifiche più sorprendenti della precedente. Tuttavia, le opportunità di documentarli a volte sono molto rare. Da qui il famoso proverbio “Non c’è conoscenza senza pazienza”…