Maggio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Quebec consente ai NP di prendersi cura dei pazienti senza un medico di famiglia

Il Quebec consente ai NP di prendersi cura dei pazienti senza un medico di famiglia

Il ministro della Sanità Christian Dube ha annunciato giovedì che gli infermieri specialisti delle cure primarie (IPSPL) potranno prendersi cura delle persone registrate nello sportello di accesso del medico di famiglia (GAMF) dal 15 aprile. Fino ad ora potevano farlo solo i medici di medicina generale.

“Ciò rafforza in modo significativo la professione infermieristica”, ha annunciato giovedì mattina il ministro, cercando di “migliorare l'accesso per tutti i cittadini del Quebec”.

Se tutto andrà bene, il cambiamento potrebbe far scomparire la lista dei pazienti orfani del Quebec, che conta ancora 630.000 persone. Mille infermieri, infatti, alla fine potranno curare tra i 250 e gli 800 pazienti, ovvero tra le 250 e le 800mila persone.

Il provvedimento, però, che entrerà in vigore la prossima settimana, interesserà subito solo poche decine di IPS, pari a due-quattro per ciascuno degli undici ambulatori specialistici già aperti.

– In grado di affrontare il 95% dei problemi

Ai pazienti che temono che il servizio fornito da un medico di famiglia sia di qualità inferiore a quello di un medico di famiglia, il Ministro risponde che i medici nazionali sono in grado di curare il 95% dei problemi dei pazienti e che possono rivolgersi ai medici quando è necessario non è necessario.

“Non possiamo semplicemente fare pressione sui medici”, ha detto. Dubey ricorda inoltre che in alcuni Gruppi di Medicina di Famiglia (GMF), il 95% dei pazienti è già seguito da un IPS anche se affiancati da un medico.

Tuttavia, per ora, solo gli infermieri che lavorano nelle nuove cliniche IPS potranno prendersi cura dei pazienti.

Coloro che lavorano nella GMF o in organizzazioni come la clinica SABSA in Quebec non hanno ancora la capacità di farlo. Questo dovrebbe essere oggetto di trattative finanziarie con la Federazione dei Medici di Medicina Generale del Quebec (FMOQ). Attualmente, i membri della FMOQ che esercitano presso la GMF ricevono un bonus quando supervisionano un'infermiera.

READ  Le chiavi per controllare la rabbia rivelate dallo studio

Migrazione al settore privato?

Giovedì, Quebec Solidaire ha definito l'annuncio “una buona notizia”. Ma il partito teme che alcuni istituti di servizio penitenziario dotati di questi nuovi poteri lasceranno la rete pubblica per esercitare il loro lavoro nel settore privato. Negli ultimi anni decine di loro hanno fatto questa scelta, la maggior parte sostenendo che le loro condizioni di lavoro non erano abbastanza attraenti.

“Apriranno le proprie cliniche e poi faranno pagare i soldi ai pazienti”, ha detto il deputato di Rosemont Vincent Marisal, che afferma di ricevere lamentele sulla questione nel suo ufficio elettorale a Montreal.

Interrogato su questo tema, il ministro Christian Dube ha ammesso che nelle cliniche del servizio penitenziario c’erano “problemi di lavoro”. Tuttavia, sottolinea che “la discussione su questioni private” non ha “nulla a che fare” con il suo annuncio.

Il culmine di un processo durato diversi anni

Buon Principe, il Ministro Dube ha riconosciuto che questi progressi sono stati anche il frutto del lavoro dei suoi predecessori Daniel McCann e Gaetan Barrett, che ha ringraziato.

L’ex ministro liberale Gaetan Barrett ha investito molto nel 2017 per aumentare il numero di IPS ammissibili in Quebec. Dei quasi 100 individuati allora, quest’anno dovrebbero superare quota 1.400. Per quanto riguarda la signora McCann, è stata lei ad approvare la legge n. 43 nel 2020 e ad assegnare loro maggiori responsabilità.

“Ciò conferma ciò che la legge consente”, ha risposto Jérôme Rousseau, vicepresidente della Federazione professionale della sanità. L’Unione ora spera che non ci fermeremo qui. “Non deve essere così [fait] Per scopi puramente statistici. […] Vedo arrivare il ministro Dube che si vanterà [du fait] Che ci sono meno pazienti in lista d’attesa. »

READ  Salute. Tre casi di scabbia sono stati rilevati in una casa di cura a Cherbourg

In definitiva, dice, tutte le persone prive di documenti dovrebbero far parte di un team multidisciplinare. In caso contrario, i pazienti abbinati non si ritroveranno nuovamente orfani durante l'assenza o il congedo per malattia dall'IPS.

Un parere condiviso dalla presidente uscente dell'Associazione degli infermieri professionali del Quebec (AIPSQ), Christine Laliberte. “Ci vuole la responsabilità della squadra”, dice. E continua dicendo che non dovremmo sostituire l’idea di un medico di famiglia per tutti con l’idea di un “IPS per tutti”.

Da vedere in video