Gennaio 27, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il prolungamento della sospensione dei voli rovina le speranze degli operatori turistici

L’estensione della sospensione dei voli è un duro colpo per albergatori, compagnie di trasporto, ristoranti e artigiani di Marrakech. Per un settore stremato dalla crisi sanitaria legata al coronavirus, il bicchiere è pieno. “Prima della chiusura, c’erano 114 camere prenotate in uno dei nostri hotel, o il 60% di occupazione. Ma questo era prima”, si rammarica il sito. Le360 Amin El-Zaghawy, Direttore del commercio e del marketing per Magic Hotels and Resorts. Molti albergatori hanno dovuto voltare le spalle alle loro ambizioni. La decisione delle autorità marocchine ha costretto la catena Magic Hotels and Resorts, che ha due hotel nella città ocra, ad abbandonare l’apertura di altre 5 strutture in Marocco a breve e medio termine.

Da leggere: A fatica il turismo marocchino è minato dalla sospensione dei voli

Anche coloro che riacquistano la propria salute finanziaria dopo un periodo prolungato di magrezza sono interessati da questa decisione. Il direttore generale di Radisson Blu, Fabrice Castelorizios, si lamenta: “Stiamo iniziando a cambiare colore, a riconquistare clienti crossover, con la ripresa delle riprese, i seminari e le compagnie aeree che ospitiamo, e qui ci ritroviamo con un mercato”.

Gli attori coinvolti nel trasporto turistico esprimono lo stesso sentimento. “La maggior parte di noi ha rotto la banca in modo da poter pagare l’assicurazione e la manutenzione del veicolo per iniziare bene”, ha affermato Saad Al Shamzari, un tour operator. Ma il prolungamento della sospensione dei voli ne mina l’attività.

Leggi: Marocco: il settore del turismo sta morendo

“È un intero settore che si basa sull’esperienza di Marrakech”, osserva Fabrice Castellorizios. Di fronte a questa situazione, la Federazione marocchina dei lavoratori del trasporto turistico chiama le autorità competenti.

READ  Al centro del dibattito la riforma del bollo auto in Vallone