Marzo 4, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

A Parigi le autorità vogliono far pagare ai Suv il parcheggio 3 volte di più: da noi è possibile questa misura? Risponde il ministro del Clima

A Parigi le autorità vogliono far pagare ai Suv il parcheggio 3 volte di più: da noi è possibile questa misura?  Risponde il ministro del Clima

Il ministro del Clima e dell'Ambiente, Zakia El Khattabi, membro del partito Ecolo, è stato ospite del programma Face à Buxant questa domenica. Il capolista a Bruxelles per le prossime elezioni ha risposto a molte domande del nostro giornalista Martin Puxant.

Tra queste domande c'è quella sull'azione intrapresa in Francia, in particolare a Parigi, dove Anne Hidalgo, sindaco della capitale socialista, vuole rendere i parcheggi tre volte più alti per le auto di grandi dimensioni e i Suv, ad una tariffa di 18 euro l'ora. Un'idea accolta favorevolmente dal Ministro. “Questa è una buona misura. A Parigi, lo spazio occupato da queste grandi auto è uno spazio non più accessibile ai pedoni. In caso di incidente è anche più pesante e pericoloso“.

Lo stesso a Bruxelles?

Perché non importiamo questo tipo di procedura a Bruxelles, si chiede il nostro giornalista. Ricordiamo che Zakia Al-Khattabi apparirà a Bruxelles il prossimo giugno. “Dovresti sapere che alcune strade di Bruxelles ora sono a senso unico, perché non c'è spazio per il passaggio di due auto. Per gli stessi motivi ambientali e di sicurezza è in corso uno studio che consentirà senza dubbio di analizzare la questione in futuro.“, come dici.

Questo significa che l'ambiente odierno è tutto incentrato sulla lotta contro le grandi macchine? “No, è la lotta per una qualità di vita uguale per tutti. Sia che vi troviate a St. Jose o Woluy, la qualità dell'aria fa sì che l'aspettativa di vita scenda di 5 anni nel primo comune citato. Per me, la trasformazione ambientale è un imperativo per la giustizia sociale“, conclude.

READ  Scioperanti Ryanair denunciano le loro condizioni di lavoro: "Il nostro datore di lavoro non è soggetto alla legge"