Dicembre 8, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il prezzo del gas è diminuito del 50% in pochi mesi, ci rallegriamo?

Tra la crisi energetica, il calo del potere d’acquisto e l’aumento dei prezzi della benzina, lo spirito delle famiglie belghe appare piuttosto cupo. Tuttavia, si osserva un miglioramento: il prezzo del gas è in calo da 3 mesi. Ha raggiunto il picco di € 349 per megawattora (MWh) e ora è sceso a € 150/MWh, in calo di oltre il 50%. Ma dobbiamo rallegrarci? Secondo Damien Ernst, ingegnere informatico di ULiège, la cifra è ancora molto alta: “Al di sopra dei 60 euro c’è una reale minaccia di collasso del tessuto industriale”.

17 euro al megawattora, era normale

Tuttavia, i prezzi verso cui ci stiamo dirigendo non possono essere considerati bassi: “150 euro sono ancora molto più alti di due anni fa”, ricorda Francesco Contino, docente di specializzazione in energia all’UCLouvain. “Era meno di 20 €/MWh per anni prima della crisi del Covid”, aggiunge Damien Ernst.

Secondo un ingegnere informatico di ULiège, se il prezzo del gas ha raggiunto il picco di 349 €/MWh, è stato un fenomeno speciale una tantum. Quindi il calo dovrebbe essere mitigato di oltre il 50%. “150 euro sono ancora troppi, quella cifra non è stata pagata in Asia o negli Stati Uniti. Finché si superano i 60 euro/MWh si rischia il crollo del tessuto industriale europeo che non sa competere nei prezzi dell’energia con il tessuto asiatico e il tessuto americano” Damien Ernst, scusa. In effetti, i prezzi in Asia sono il doppio di quelli statunitensi e dieci volte inferiori ai nostri.

Il segretario di Stato al Bilancio, Eva de Bleecker, sottolinea che non dobbiamo solo pensare che l’inverno si avvicina, ma dobbiamo “fare di tutto per salvare la rete industriale”.

READ  Di fronte a un'inflazione "troppo alta", la Banca centrale europea effettua il più grande aumento dei tassi da oltre 20 anni