Marzo 2, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il movimento M23 annuncia l'uccisione di due dei suoi leader e continuano i combattimenti nell'est

Il movimento M23 annuncia l'uccisione di due dei suoi leader e continuano i combattimenti nell'est

Mentre nel territorio di Masisi continuano i pesanti combattimenti tra i ribelli e le FARDC, due leader della ribellione dell'M23 sono stati uccisi martedì 16 gennaio nella parte orientale della RDC, vicino a Kitchanga, dietro le linee del fronte. I rivoluzionari che hanno annunciato l'uccisione di Due dei nostri leader “Senza identificarli, hanno promesso di rispondere”. Adeguata ».

Pubblicato su:

2 minuti

Con il nostro corrispondente a Goma. Coralie Perrett

Martedì 16 gennaio è stato forse il giorno più mortale della settimana. L'artiglieria pesante è stata utilizzata dall'esercito congolese nell'area di Karuba e dalle forze governative – soldati congolesi e milizie alleate – Ha combattuto i ribelli dell'M23 a Masisi. Lo stesso giorno, secondo diverse fonti, almeno un attacco di droni ha colpito una posizione ribelle a Kitchanga. Quest'area si trova dietro le prime linee nell'area sotto il controllo del movimento M23.

Almeno due di loro Capi » Sono morti, lo ha ammesso il Movimento 23 marzo in un comunicato stampa pubblicato mercoledì mattina, senza confermare ufficialmente l'identità delle vittime. Ma secondo diverse fonti si tratterà del colonnello Erasto Bahati, responsabile degli affari finanziari, e del colonnello Mbirabagabo “Castro”, responsabile dell'intelligence.

Un altro punto interrogativo: il modo in cui sono morti questi alti ufficiali. Perché se martedì 16 gennaio ci sono stati davvero degli scioperi, i leader della ribellione parlano invece di” Assassinio “o chi” Trappola » Dietro le prime linee, nel cuore della zona controllata dal movimento M23.

I ribelli hanno confermato nel loro comunicato stampa che avrebbero risposto. Abbastanza I combattimenti sono continuati anche mercoledì a Masisi, in particolare attorno a Karuba: almeno un aereo da caccia Sukhoi dell'esercito congolese ha sorvolato la città di Goma mercoledì mattina, 17 gennaio, diretto verso la zona dove si sono verificati gli scontri tra il movimento M23 e la milizia lealista Wasalindo. Al governo di Kinshasa.

READ  Sospendere l'accreditamento dei lobbisti di Amazon al Parlamento europeo

Questa non è la prima volta che succede Il partito congolese usa i suoi droni CH4, prodotto in Cina. Alcuni mesi fa, la Repubblica Democratica del Congo ha invitato due compagnie militari private straniere – Agymera e Congo Protection – a sostenerla nella lotta contro l’M23, sostenuto dal vicino Ruanda. Secondo molti rapporti delle Nazioni Unite.

Leggi ancheRepubblica Democratica del Congo: la SADC schiera truppe a est, ma le domande restano senza risposta