Novembre 26, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il miliardario russo rinuncia alla cittadinanza per il conflitto in Ucraina: “Non voglio essere associato a questo Paese”

“Ho preso la decisione di rinunciare alla mia cittadinanza russa. Non posso e non voglio essere associato a un paese fascista che ha iniziato una guerra con il suo vicino pacifico e uccide ogni giorno persone innocenti”, ha scritto Tinkov su Instagram. .

“Spero che altri importanti uomini d’affari russi seguano la mia cautela al fine di indebolire e alla fine sconfiggere il regime e l’economia di Putin (Vladimir)”, ha aggiunto.

Ha allegato la sua lettera con una copia di un certificato del consolato russo che conferma la scadenza della sua cittadinanza russa.

Oleg Tinkov ha scritto ancora: “Odio la Russia di Putin, ma amo tutti i russi che sono chiaramente contrari a questa guerra folle!”

Tinkoff, un miliardario di colore, è il fondatore di Tinkoff Bank, che è cresciuta rapidamente e nel 2020 ha affermato di essere la terza banca al dettaglio più grande della Russia dopo i giganti statali Sberbank e VTB. Sostiene di avere circa 20 milioni di clienti oggi.

Era stato molto critico nei confronti dell'”assurdo” attacco russo in Ucraina ad aprile, chiedendo agli occidentali di aiutare a porre fine a questa “carneficina”. Una delle posizioni più forti emesse in quel momento era da un uomo d’affari russo.

Tinkov è stato arrestato nel 2020 a Londra su richiesta degli Stati Uniti, che lo accusavano di evasione fiscale. Successivamente è stato rilasciato su cauzione ed è in cura a Londra per la leucemia.

Ha lasciato la posizione di CEO di Tinkoff Bank nel 2020, dopo che quest’ultima ha preso le distanze dalle sue dichiarazioni anti-attacco.