Dicembre 5, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il cervo catturato dai bracconieri si getta in acqua e l’animale indifeso viene colpito alla testa, “nascosto per un po’ sotto un pontone …”

Il cervo è stato colpito alla testa prima che i pescatori lo tirassero fuori dall’acqua. Una scena di caccia si è verificata in città, secondo il gruppo AVA (Abolissons la Vénerie Today). Sabato 29 ottobre, intorno alle 13:50, “un cervo è stato ucciso nella zona industriale di Pont-Saint-Maxence in violazione di una decisione ministeriale e comunale presa dal comune dopo simili incidenti”, per protestare contro Stan Bronisivsky, portavoce di AVA Chantilly.

L’equipaggio del Rallye des Trois Forêts ha inseguito i cervi dal villaggio di Beaurepaire, nella foresta di Halatte, prima di gettarsi nell’Oise nella zona industriale di Pont-Sainte-Maxence per sfuggire ai bracconieri, ha scritto. Corey Picard. Lì, diversi testimoni e i cinque attivisti dell’AVA presenti hanno filmato la caccia al cervo. “Ha cercato di uscire dall’acqua ma non c’erano argini, solo cemento, continua il portavoce dell’AVA. I testimoni hanno sentito i primi spari e non sapevano cosa fare per fermare l’inseguimento. Il cervo si è nascosto sotto un pontone e ha provato per sfuggire ai cani che lo stavano inseguendo”.

Gli attivisti dell’AVA affermano di essere rimasti sorpresi dall’insistenza dei bracconieri. “Ancora una volta, quando si avvicinano a una città, continuano a correre tutti i rischi invece di fermarsi”, è sorpreso Stan Bronisivsky. L’AVA richiama la Sezione 7 della pratica ombreggiante realizzata nel 2019 in cui si afferma che quando un animale si trova nella baia e vicino a residenze, giardini privati, aree commerciali, uffici e strutture aperte al pubblico, deve essere graziato.

Ma, da parte loro, i Cacciatori del Three Forest Gathering assicurarono che non c’era stato nessun incidente. “Non si può dire. L’ultima moda è la nuova moda e AVA è specializzata in essa”, Ward Bertrand Sublette, Presidente del Rallye des Trois Forêts. Afferma che la caccia è stata effettuata su “terreni privati ​​a Puribayer con il permesso del proprietario. Poi il cervo è saltato in acqua nel terreno agricolo. Non c’era nessuno lì tranne me e le persone spinose”.

READ  L'uomo mangia gratis in un ristorante per sei anni: il re di Simba viene arrestato

Da allora, l’AVA ha pubblicato sul proprio account Twitter un video in cui i testimoni gridano ai pescatori a pochi metri di distanza, dall’altra parte: “La pesca è vietata a Pont! Infatti, dopo diversi incidenti simili, il 1 marzo 2018, il sindaco di Pont-Sainte ha emesso -Maxence, Arnaud Dumontier, ha ordinato il divieto di caccia in tutta la città e nel raggio di 300 metri dalle abitazioni. Divieto rafforzato sui quartieri con aree boschive con un perimetro di 400 metri.

Questo lunedì, Arnaud Dumontier ha dichiarato: “Il decreto è stato violato. Ci sarà una denuncia. Da parte loro, i gendarmi non sono intervenuti sabato. Nessuno ci ha contattato”, ha detto il capo della brigata Pont-Saint-Maxinis Tenente Benjamin Comelle, ma la denuncia del sindaco dovrebbe portare alle prime udienze.