Giugno 21, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Il genitore deve esercitare un’influenza su suo figlio.”

Per spiegare gli atti di devianza si ricorre spesso alla deprivazione emotiva. Secondo te però dovremmo parlare di deficit formativo.

Questa è la mia ipotesi centrale. Ciò non significa che qualsiasi bambino, adolescente o adulto che si scaglia o commette l’atto non si comporti in quel modo a causa di problemi personali, sofferenze o cose non dette. Ma questa non è affatto la maggioranza dei casi. Molti dei comportamenti sono comportamenti che io chiamo intolleranza alla frustrazione: voglio qualcosa, quindi ruberò o attaccherò. Abbiamo educato i nostri bambini e adolescenti in un clima coerente con l’idea, diffusa nella seconda metà del secolo scorso, che sia assolutamente necessario sviluppare il loro carattere, la loro autostima, per fornire loro l’affetto di cui mancano. Lo abbiamo fatto dimenticando questa parte essenziale: dobbiamo imparare anche la realtà.

A questo proposito ho scritto che Françoise Dolto ha causato molti danni. Perché ?

Posso dirlo ai giornalisti belgi o svizzeri, ma non in Francia! Trovo vergognoso che sia ancora così ammirata nonostante abbia causato così tanti danni. Dopo il 1968, è stato opportunistico sottolineare che l’obiettivo dell’istruzione era un bambino indipendente, con il minor numero possibile di genitori. Secondo lei, i genitori vivono un trauma: una madre troppo amorevole o controllante distrugge il figlio, un padre troppo autoritario lo castra e così via. Da allora i genitori camminano sulle uova, senza sapere più cosa fare. Indulgiamo in questo tipo di fantasia secondo cui un bambino che ha ricevuto molto amore si svilupperà e prospererà se non lo disturbiamo. Secondo Dolto è fondamentale per un bambino scegliere gli orari dei pasti, della dieta e del sonno: consigli folli che continuano con l’interesse per l’educazione francese. Dopotutto, è stata lei a dichiarare che i bambini hanno solo diritti e che i genitori hanno solo doveri! Quindi non c’è più la verticalità, ma il famoso egualitarismo che io denuncio, e che la filosofa Hannah Arendt ha condannato molto prima di me. Ma non può esserci uguaglianza tra genitori e figli: alcuni imparano e altri insegnano.

“Dobbiamo permettere ai bambini di superare le sfide senza la presenza soffocante dei genitori”.

Esigete un’autorità giusta che insegni ed elevi, senza scoraggiare né annullare. Cosa significa?

Ho settant’anni. La mia generazione ha sofferto la tirannia di alcuni insegnanti devianti e di alcuni padri “capofamiglia” violenti. Non si tratta di tornare a questo. Poiché sappiamo che un potere troppo restrittivo può sopraffare un individuo, consideriamo questo: posso insegnare a mio figlio comprendendolo, motivandolo e comunicando con lui? Dico comunicare, ma senza esagerare: ripeto, non siamo uguali. Non dobbiamo rispondere perché perché perché: voglio dire che ci sono tanti motivi che non meritano risposte, perché così è la vita. Non è necessario che un bambino parli di filosofia con i suoi genitori all’età di 7 o 12 anni. Insisto sul fatto che è il genitore a conoscere la realtà. Goethe diceva: gli adulti hanno imparato, quindi posso insegnarlo da solo.

READ  La morte di Gorbaciov: la reazione di Vladimir Putin

Come definisci questa autorità valida?

L’autorità giusta è un adulto che non ripeterà ciò che ha imparato a livello morale o sociale, ma mostrerà al bambino cos’è la realtà, cosa è difficile, dove possiamo progredire, ma anche cosa gli piace. Questo è spesso un tabù nella psicologia attuale: se un genitore parla troppo di musica con suo figlio, verrà accusato di voler clonare se stesso. Il genitore deve restare in silenzio. Adesso voglio dire che il genitore dovrebbe diventare l’influencer di suo figlio. In caso contrario, il bambino sarà influenzato dai suoi coetanei: questo è ciò che chiamiamo tirannia della maggioranza. Se il genitore non impone i suoi gusti, il suo modo di vivere e le sue idee in casa, il bambino o l’adolescente si precipiterà nei social network e si lascerà influenzare dalle persone meno simpatiche. C’è urgente bisogno di ripristinarlo. Cosa diremo dei giovani che recentemente hanno gettato uno scarico e ucciso un camionista? Provengono da un contesto svantaggiato o migratorio? Cos’è questa stronzata! Sono indubbiamente carenti in materia educativa: agiscono impulsivamente per piacere. Ricordiamo le manifestazioni avvenute in Francia l’estate scorsa, da parte del giovane Nahil: i rivoltosi hanno ammesso di aver rotto qualcosa per scherzo.

Il bambino non ha altra scelta che adattarsi alla realtà. Ma questo apprendimento non dovrebbe essere fatto senza affetto…

Prima ci veniva spesso insegnato che la vita è dura e che moriremo tutti. Non c’era bisogno di discutere, il cugino andava in guerra in Algeria. Il bambino era considerato una pianta che doveva crescere. “Vedremo quello che vediamo. Prima prendi il diploma di maturità.” Il bambino, però, ha bisogno di conoscere la realtà: di essere riconosciuto, di essere amato, di avere tenerezza, di voler vivere, pur essendo protetto da genitori che lo rispettino. Questo non dovrebbe essere trascurato. L’istruzione significa conoscere la realtà, con molto amore e frustrazione. Il bambino è un essere istintivo e la morale si apprende. Al giorno d’oggi, sono molte le azioni che indicano il predominio del lato istintivo. Dipendenza dagli schermi, società dei consumi, individualismo osceno: tutto ciò contribuisce a un ritorno allo stato iniziale. Non c’è più questa connessione con gli altri, connessione sociale e umana.

READ  La guerra in Ucraina: la Chiesa ortodossa russa dà la caccia ai sacerdoti scismatici

Se la famiglia è in prima linea, anche la scuola ha un ruolo da svolgere. I due sono complementari?

Recentemente ho scoperto nei materiali per gli insegnanti suggerimenti su come avere autorità in classe: sii severo i primi giorni, poi crea fiducia. Quindi, se uno studente è un po’ resistente o aggressivo, si dice che è perché ha un problema con la fiducia in se stesso e l’autostima. Quindi devi mostrare compassione e gentilezza. È qui che siamo a scuola: sempre la stessa retorica post-Dolto di ammirazione, uguaglianza e rispetto incondizionato. no no no! La scuola è anche il luogo in cui si imparano le cose vere e difficili: non si imparano le forme irregolari del tedesco ridendo! La scuola accusa i genitori, quando tutti dovrebbero agire in armonia: dovremmo essere tutti in armonia, non per spezzare il bambino, ma per aiutarlo a gestire tutte le sue difficoltà: imparare quello che non vuole imparare, stare con gli altri. ..

Una genitorialità esclusivamente positiva non rispetta lo sviluppo psicologico del bambino

Contrariamente a quanto dicono alcuni, lei sostiene che l’umanità e l’empatia non sono innate.

Cécile Alvarez ha scritto un libro best-seller in cui afferma che l’empatia è innata, che basta amare un bambino per amplificarlo e che lui o lei accetterà gli altri. Questo è un errore ! Se notiamo che alcuni bambini sono un po’ ansiosi o chiusi in se stessi e che altri dell’asilo prestano volentieri i loro giocattoli a chi non li ha, la maggior parte è composta da bambini che ruberanno la palla a chi li possiede. Lui lei. L’empatia può essere appresa, ma non attraverso le parole. Tutte queste recenti pubblicazioni di psicologia in Francia, che dicono che devi parlare, parlare, parlare… So che devi esprimere a parole i tuoi sentimenti, ma non è abbastanza. Insegnare lezioni di empatia a scuola è inutile. Ciò che è importante è aumentare le ore di esercizio e di lavoro comune, all’interno dei gruppi, per imparare come funziona. Con insegnanti che avranno l’autorità di dire: “Scusa, ma non hai passato la palla al tuo vicino” oppure “Non hai prestato il tuo attrezzo al tuo amico”. In questo modo impariamo le connessioni sociali, non le parole.

READ  Legislativamente in Francia: Emmanuel Macron chiede mobilitazione alle urne

Mentre assistiamo all’aumento dell’estremismo in molti paesi europei, tu dimostri che la mancanza di autorità educativa può spiegare il fascino per le figure autoritarie. come ci arriviamo?

Un bambino o un adolescente che tollera poco la frustrazione e che non ha un modello di autorità positiva, rimarrà colpito da coloro che sono piuttosto autoritari, perché almeno non ci saranno più domande con loro. Da qui, purtroppo, la tentazione di alcuni giovani verso il fondamentalismo religioso o politico: finalmente possono sottomettersi a un’autorità più forte di loro. È drammatico perché è una richiesta di tirannia da parte di adolescenti o bambini divenuti del tutto istintivi, perché abbandonati a se stessi e non hanno mai incontrato un buon mediatore. Primo Levi diceva anche che i nazisti, salvo poche eccezioni, non erano mostri, ma erano poco istruiti. Quando lasciamo l’uomo libero da ogni insegnamento e da ogni influenza di buona autorità, abbandoniamo ciò che nell’uomo c’è di più primordiale, istintivo e poco animale. Il morale non c’è più.

“Oggi permettiamo ai bambini di credere che tutto sarà possibile per loro e, in questo modo, li rendiamo molto fragili e inadatti alla vita”.

“Regolare l’appetito dei figli, frenare i loro desideri e rifiutare gli eccessi dell’ego contribuisce senza dubbio a salvare il pianeta”, scrive ancora.

Il pericolo viene dal consumismo, dal desiderio di fare ciò che vogliamo, di godersi la vita ad ogni costo. Rispettare la natura è come rispettare le persone, il che è frustrante. Non posso fare quello che voglio perché vivo nel mondo, non posso stare tre ore in bagno o mangiare quaranta bistecche al giorno… In una società in cui la frustrazione è dolorosa, non vogliamo questo. Per cinquant’anni i mercanti ci hanno venduto l’idea che la felicità fosse sempre istantanea. Dobbiamo però tornare all’edonismo nel medio e lungo termine: se faccio attenzione al mio consumo ambientale, lo strato di ozono migliorerà. Una persona deve accettare che la felicità è un obiettivo a medio e lungo termine e non un piacere immediato offerto dai commercianti che una persona desidera.

⇒ Didier Bleux | Autorità educativa di emergenza Odile Giacobbe | 171 pag. € 18,90, digitale € 15