Novembre 27, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il dottor Jerome Marty avverte che speriamo “non farà tanto rumore quanto il grande dibattito”.

Lunedì 3 ottobre a Le Mans il Consiglio nazionale per il ristabilimento ha avviato una consultazione sanitaria per rispondere ai problemi che interessano i professionisti medici e i pazienti in Francia.

Articolo di

pubblicato

momento della lettura : 2 minuti.

“Ci siamo completamente dimenticati della medicina liberale”, allerta questa domenica 2 ottobre su franceinfo, Jerome Marty, medico di base e presidente dell’UFML (Federazione francese di medicina libera) mentre inizia lunedì le principali consultazioni sulla salute all’interno del Consiglio nazionale per il ristabilimento per il quale il ministro della Salute François Browne ha fissato obiettivi. per il dottore, “Prenderò i soldi” per risolvere i problemi. secondo lui, ‘Tutta la medicina liberale va rilanciata’ Pensa anche agli specialisti, non solo agli specialisti. Jerome Marty spera che queste consultazioni lo saranno “Non vorrei un grande dibattito”.. Emmanuel Macron ha lanciato il grande dibattito nazionale per affrontare il movimento dei gilet gialli.

franceinfo: Dopo il Ségur de la santé nel 2020, cosa ti aspetti da questa consultazione?

Jerome Marty, GP e presidente dell’UFML: Ci aspettiamo molto. Ci siamo completamente dimenticati della medicina liberale, lezione dopo lezione per 30 anni. C’era davvero un Ségur dell’ospedale – che era insufficiente – ma non c’era affatto un Ségur di medicina liberale quando si vede chiaramente che solo questo tipo di medicina è in grado di integrare il territorio, ed è l’unico in grado di fornire cure ai malati. Quindi questo dovrebbe essere sviluppato e non dobbiamo avere paura di dire le cose: avremo bisogno di soldi, molti soldi. Siamo abituati a parlare di deserti medici e pensiamo subito ai medici di base, ma i deserti medici sono anche i deserti degli specialisti. Chi è il francese che non ha difficoltà a farsi curare da uno specialista? Chi è il francese che non è stato nominato da sei mesi o più secondo il mandato? Quindi tutta la medicina liberale va rilanciata.

READ  Le gilde CHU hanno lanciato l'allarme

Pertanto, l’esito di queste consultazioni sarà calcolato e le proposte sono importanti, ma cosa ne rimarrà?

Siamo su una corsa a lunga distanza con 1.200 discussioni sulla Francia. Speriamo non sia come una grande polemica, nel senso di un enorme spruzzo d’acqua da cui non è uscito nulla. Non voglio che ci godiamo lo spettacolo perché non abbiamo tempo in questo momento. Queste decisioni vanno prese con la popolazione ovviamente, ma anche con gli organi intermedi che sono i sindacati eletti alla professione perché quando si va oltre gli organi intermedi si finisce con i giubbotti gialli.

Pensi che la discussione sia aperta in questo modo?

È la nostra paura. Temiamo che i rischi ci siano già. Non vogliamo scommettere su questo farmaco. Ci tirano fuori dal cilindro che non sembrano niente, come i centri sanitari con medici pagati che indossano abiti da vetrina e scelte sbagliate perché se confrontiamo il costo dell’atto, vediamo che è più costoso della medicina liberale. La Francia ha avuto la fortuna di avere un ospedale forte accanto a una forte medicina liberale, e oggi l’ospedale è malato e la medicina liberale sta morendo. Le domande poste sono quelle giuste, il problema è sapere se ne usciranno soluzioni.