Ottobre 5, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il cuore cambia con l’età

Il rischio di problemi cardiaci aumenta con l’età. Secondo uno studio pubblicato sulla rivista scientifica natura che invecchia In questo giovedì 11 agosto le cellule che compongono il nostro cuore ne saranno la causa. Infatti, nuove mutazioni genetiche si accumulano perdendo nel tempo la capacità di ripararle. (fonte 1)

Per giungere a questa conclusione, i ricercatori di Boston Figli Ospedale I genomi di 56 cardiomiociti, noti anche come cardiomiociti, sono stati sequenziati da 12 soggetti di età compresa tra 0 e 82 anni. La loro morte non era correlata a malattie cardiache.

Gli scienziati hanno confrontato il numero di mutazioni somatiche, cioè non ereditarie, in cellule di età diverse. Hanno anche cercato modelli di boom che potrebbero far luce sui meccanismi dei disturbi cardiaci.

“Questa è la prima volta che le mutazioni somatiche sono state esaminate nel cuore umano a livello unicellulare”, ha detto Sangeeta Choudhury, co-autore principale dello studio, in un comunicato stampa. (Fonte 2)

Le mutazioni sopraffanno le cellule

Lui e il suo team hanno scoperto che le cellule più antiche del cuore avevano “cambiamenti di una sola lettera” nel loro DNA. Tali mutazioni possono verificarsi a causa dell’ossidazione.

“Poiché il cuore pompa sempre sangue, ci vuole molta energia”, afferma Ming Hui Chen, anche coautore dello studio. “Questa produzione di energia produce sottoprodotti chimici chiamati specie reattive dell’ossigeno, o ROS. E quando i livelli di ossigeno reattivo sono troppo alti, possono causare Danno al DNA. “

“Man mano che si invecchia e le mutazioni si moltiplicano, si aggiungono effetti dannosi che possono spingere il cuore oltre il punto di svolta verso la malattia”, conclude Chen.

“Puoi arrivare a un punto in cui il DNA è molto danneggiato Il cuore non riesce più a battere bene”.