Ottobre 3, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

La prossima epidemia potrebbe essere dovuta ai funghi contro i quali non abbiamo potere

⇧ [VIDÉO] Potrebbe piacerti anche questo contenuto del partner (dopo la pubblicità)

Mentre l’epidemia COVID-19 L’epidemia di vaiolo delle scimmie non è finita, si sta diffondendo in tutto il mondo, preoccupare i leader Paesi colpiti, gli epidemiologi temono un’altra minaccia, i funghi microscopici. Questi ultimi potrebbero causare una nuova pandemia che è molto più terrificante dei virus, dato quanto poco sappiamo di loro e della loro capacità di adattarsi alle nostre scarse misure correttive. Sebbene siano stati dalla nostra parte per così tanto tempo, gli scienziati ritengono che attualmente rappresentino una vera sfida per la salute pubblica di fronte a potenti pressioni selettive, cambiamenti climatici e una popolazione in crescita.

Sono state identificate solo 120.000 specie di funghi su quasi cinque milioni – di queste, solo poche centinaia sono note per essere dannose per l’uomo. Ma i cambiamenti ambientali e climatici, così come l’uso eccessivo di fungicidi in agricoltura, hanno contribuito alla creazione di “super agenti” infettivi, in grado di sfuggire al nostro limitato arsenale terapeutico.

secondo bar (Fondo globale per la lotta alle infezioni fungine), negli ultimi anni le malattie fungine causano circa 1,6 milioni di morti all’anno e più di un miliardo di persone soffre di gravi malattie fungine. Tom Schiller, un epidemiologo medico presso i Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) afferma: National Geographic : « Ciò che ci preoccupa costantemente nel mondo dei funghi è la possibilità che i funghi causino malattie nell’uomo. Ci sono così tante cose che non capiamo nemmeno ».

Infatti, i funghi microscopici possono causare gravi disturbi e infezioni, in particolare l’aspergillosi, che esiste da diversi anni Sta crescendo e pone nuove domande alla comunità scientifica. notevolmente Fumo di Aspergillus, che prospera nella polvere domestica e nella materia vegetale in decomposizione. Può causare complicazioni nelle persone con problemi respiratori o un sistema immunitario indebolito. L’inalazione di germi può portare a infezioni dei polmoni e delle vie aeree, che possono verificarsi In alcuni casi fatale.

Sebbene le infezioni causate da batteri siano le più comuni e conosciute, l’invecchiamento della popolazione e l’aumento del numero di persone immunocompromesse – a causa di malattie e cure – hanno creato una finestra di opportunità senza precedenti per i funghi microscopici. Pertanto, gli antimicotici rappresentano oggi una spesa maggiore rispetto agli antibiotici e le strategie antimicotiche dovrebbero, nei prossimi anni, essere poste al centro di molte strategie di salute pubblica. Ma perché hai paura dei funghi?

READ  Égalité santé en français presenta petizioni alla corte

Sviluppo troppo rapido e un arsenale terapeutico molto debole

Sebbene il tasso di mutazione nei funghi sia generalmente inferiore a quello dei batteri o dei virus, possono evolversi a un ritmo molto rapido, causando infezioni sempre più difficili da trattare con gli antimicotici. Amelia Barber, microbiologa dell’Hans Knoll Institute in Germania, ha pubblicato uno studio nel 2020 su un caso di infezione da funghi. Candida glabra Aveva due speciali mutazioni che gli permettevano di adattarsi molto bene e velocemente a nuovi ambienti e diventare più feroce.

Il fungo Aspergillus fumigatus è responsabile di gravi infezioni nell’uomo. © Getty Images

Questa virulenza è ciò che rende le infezioni fungine invasive così pericolose, a differenza dei tipi superficiali come il mughetto. Questi funghi mutanti e aggressivi secernono tossine dannose per i tessuti, di cui possono nutrirsi, allo stesso modo in cui scompongono la materia organica come parte del ciclo dei nutrienti di un ecosistema. Entrano in un ciclo di autosufficienza, creando i nutrienti di cui hanno bisogno per la crescita.

Sfortunatamente, le attuali strategie terapeutiche sono inefficaci. Incapace di far fronte a questa infezione, il corpo può portare a una reazione estrema del sistema immunitario che è la sepsi. È una disfunzione pericolosa per la vita causata dalla risposta irregolare del corpo alle infezioni, la cui forma più grave è lo shock settico. Questa risposta corporea esacerbata influisce gravemente sul funzionamento degli organi vitali e può portare a conseguenze funzionali a lungo termine. La resistenza peggiora le cose: il tasso di mortalità è superiore del 25% quando si tratta di un patogeno resistente ai funghi.

Estinzione della specie a causa di funghi, con conseguente misure antimicotiche sproporzionate

Oltre a questo impatto diretto sulla salute umana, le malattie fungine possono anche danneggiare piante e colture, causando perdite significative nelle attività agricole e nella produzione alimentare.

I funghi patogeni animali minacciano l’estinzione di pipistrelli, anfibi e rettili. Per non parlare delle foreste dell’Europa e del Nord America che sono state devastate dalla malattia dell’olmo olandese, un fungo diffuso dai coleotteri, secondo National Geographic. I vasi sanguigni degli alberi sono saturi, l’infezione li priva dell’acqua fino a quando non appassiscono e muoiono. E volendo salvare queste colture, abbiamo lanciato il fenomeno della resistenza fungina.

In effetti, di fronte a questa infezione, l’uso sproporzionato di fungicidi, in particolare azoli, è quadruplicato negli ultimi 10 anni, afferma Maren Brewer, fitopatologa dell’Università della Georgia, in National Geographic. I fungicidi agricoli utilizzano spesso strategie simili ai loro analoghi farmaceutici, poiché quando i funghi diventano immuni a un fungo sviluppano anche resistenza agli altri. Brewer e la sua collega Michelle Momani di recente aggiustare Testando campioni daFumo di Aspergillus di pazienti che non hanno mai ricevuto una terapia antimicotica. Hanno scoperto ceppi resistenti, conosciuti finora solo nel mondo agricolo.

READ  Il passato del buco in cui è atterrata la perseveranza intriga gli scienziati

per me OlandaQuesta resistenza raggiunge fino al 20% dei casi in alcuni ospedali e la strategia terapeutica è stata modificata per identificare sistematicamente i ceppi prima di iniziare il trattamento o utilizzare l’amfotericina B come prima linea di trattamento. In Francia, questa cifra non ha superato il 2% e non mette in discussione l’uso del voriconazolo nel primo intento né il suo uso profilattico in alcuni pazienti immunocompromessi o nei quali l’aspergillosi è cronica.

Va notato che i fungicidi, come gli azoli, si legano a un enzima coinvolto nella sintesi dell’ergosterolo, una molecola che lega il colesterolo nell’uomo e un componente importante della membrana cellulare fungina. Senza di essa, la membrana perde e si disintegra, uccidendo l’agente infettivo. Concretamente, i funghi contrastano gli attuali fungicidi in due fasi. In primo luogo, cambiano la forma dell’enzima bersaglio in modo che il farmaco non lo riconosca più. Quindi aumentano la produzione di enzimi per garantire che venga prodotto abbastanza ergosterolo per mantenere sane le cellule fungine.

Attualmente ci sono solo tre fungicidi e alcuni funghi sono come loro orecchie bianche I tre resistono, minacciando il mondo intero.

orecchie biancheMinaccia globale dal cambiamento climatico

fungo orecchie biancheresistente ai farmaci antimicotici, prevalente negli ospedali di tutto il mondo dieci anni fa. Se lasciato deselezionato, potrebbe causare più morti che cancro. Secondo il CDC, quasi la metà dei pazienti che finora ha avuto infezioni da lieviti orecchie bianche Morì entro 90 giorni.

orecchie bianche È stato originariamente scoperto in Giappone nel 2009, nell’orecchio di una donna di 70 anni. Poi sembrava innocuo. Poi, dal 2012, si è materializzata quasi contemporaneamente in tre continenti, emergendo come diretta conseguenza del cambiamento climatico. Successivamente, viene gradualmente osservato in modo indipendente in diversi luoghi del mondo. Il Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC) lo ha aggiunto alla sua lista di germi che rappresentano una “minaccia urgente” per la salute. Questi funghi hanno acquisito la capacità di resistere alle alte temperature, adattandosi all’uso eccessivo di fungicidi in agricoltura. Il meccanismo di questo adattamento al calore è attualmente sconosciuto ed è oggetto di studi in corso.

READ  Due anni di pandemia: dov'è la scienza? | Corona virus

Di fronte a queste minacce, una sorveglianza rafforzata e regolare per le infezioni fungine aiuterebbe a controllare la trasmissione delle infezioni fungine. Inoltre, sono stati compiuti notevoli progressi nello sviluppo di vaccini fungini Per uso umano. Negli studi sugli animali, la protezione contro tutte le specie di funghi importanti dal punto di vista medico è stata ottenuta utilizzando vaccini costituiti da funghi vivi attenuati e uccisi, estratti grezzi, formulazioni di subunità ricombinanti e vaccini a base di DNA.

Tre vaccini sono stati testati sull’uomo, dimostrando la fattibilità di condurre studi clinici rivolti a popolazioni ad alto rischio. Nonostante molti ostacoli scientifici e logistici, c’è motivo di essere ottimisti sulla disponibilità di vaccini fungini clinicamente approvati.

Non confondere tutto, ma rispetta la natura e vivi insieme

Infine, i funghi esistono da migliaia di anni tutt’intorno a noi – nell’acqua, sugli alberi, nel suolo, nell’aria – su di noi e su dentro dai nostri corpi. Viene spesso descritto come il “quinto regno della vita sulla terra”; Non sono né piante né animali, né microbi né protozoi. Le loro spore possono sopravvivere a temperature estreme, radiazioni e persino Spazio.

I funghi non possono essere eliminati se è possibile! Sono di grande importanza nel settore medico. La penicillina, ad esempio, è stata sviluppata da un fungo. Alcuni dei componenti dei funghi sono nutrienti essenziali che possono prevenire cancro.

Oltre ai batteri, i funghi sono importanti come decompositori nella rete alimentare del suolo. I suoi filamenti – o filamenti – legano anche le particelle di terreno, il che aiuta l’acqua a penetrare nel terreno e aumenta la capacità di tenuta del terreno.

L’ultimo punto: i funghi possono aiutare nella lotta inquinamento. Alcune specie, come i funghi ostrica, producono enzimi che digeriscono gli idrocarburi del petrolio. Alcuni possono assorbire metalli pesanti come il mercurio e persino digerire la plastica poliuretanica.

Come conclude Momani National Geographicla rapida acquisizione della resistenza all’azolo in Aspergillus nei Paesi Bassi funge da ammonimento: L’aspergillus non è nemmeno un patogeno delle piante: è onnipresente nel terreno. Ma poiché era nell’ambiente quando colture e fiori venivano spruzzati con azolo, l’agente patogeno sviluppò rapidamente resistenza ad esso. ».

Imparare a convivere con la biodiversità del nostro pianeta è diventato più di una semplice questione vitale e critica di fronte all’accelerazione del cambiamento climatico, che minaccia nuove epidemie.