Febbraio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il consiglio di uno psichiatra per trascorrere il Capodanno senza discussioni

Il consiglio di uno psichiatra per trascorrere il Capodanno senza discussioni

I festeggiamenti di fine anno sono ricchi di dolcetti in tavola, regali, ghirlande luminose e un'atmosfera magica. È anche e soprattutto un momento per ritrovarsi e condividere momenti insieme. La vigilia di Natale, in particolare, offre l’opportunità alle famiglie di riunirsi.

Mentre alcuni attendono con ansia questo incontro, altri, al contrario, temono il momento in cui dovranno sorridere e interagire con persone che sono riusciti a evitare per il resto dell'anno. “A Natale tutti gli ingredienti si uniscono e scoppiano i conflitti“, nota Sandrine Gourmet, psicologa di Waterloo. È una specie di obbligo familiare. Ci ritroviamo, a volte in gran numero, al chiuso a causa del freddo, in spazi piccoli. Prepariamo tutto in anticipo, tutti devono pensare ai regali, a volte fanno la spesa di fretta, c'è una forma di pressione, soprattutto sul destinatario, per cui la minima scintilla può accendersi esasperando la sensibilità.

La prima soluzione ovvia è stare lontano dalla persona con cui non sei d'accordo ed evitare di parlare con lei. “Ci sono conversazioni scomode e argomenti pronti per la discussione. In generale, li conosciamo “Quindi è meglio evitare di parlare di politica con tuo zio quando sai che inevitabilmente ti arrabbierai perché ognuno resterà fermo sulle sue posizioni. Ma non dobbiamo necessariamente limitarci a parlare di pioggia e pioggia. “Il tempo è bello . “Possiamo affrontare argomenti più delicati, ma tenendo presente che possiamo avere punti di vista diversi”.Spesso, in questo caso, è perché vogliamo convincere l'altro che è in corso una discussione. Dobbiamo quindi essere tolleranti, aperti e avere un vero dialogo.

Per arrivare con la mente più tranquilla a quella sera, possiamo anche preparare il terreno. “Prima di una grande riunione di famiglia, potrebbe essere una buona idea riflettere sui momenti spiacevoli e chiedersi perché le cose non vanno bene con una determinata persona e perché reagiamo in un certo modo quando affrontiamo un determinato argomento.“Se nonostante tutto c'è disaccordo”Dobbiamo fare in modo che il tavolo non si trasformi in un tribunale in cui tutti si schierano “.

READ  Secondo quanto riferito, Trump ha fatto pressioni sul governatore dell'Arizona dopo le elezioni del 2020 | mondo

Pertanto, gli altri ospiti possono suggerire che i combattenti continuino la loro lite in un'altra stanza, come ad esempio il bagno. “Spesso, tenerli lontani dal resto del gruppo fa sì che la pressione diminuisca un po’.“Possiamo anche provare a spostare il discorso per portare un po’ di leggerezza all’inizio della partita.

Favorevole alla riconciliazione?

Sfortunatamente, a volte queste tattiche non sono sufficienti perché il conflitto è più profondo. “Ciò è particolarmente vero per la colpa legata all’infanzia.“, aggiunge Sandrine Gourmet. Come ultima risorsa, se un conflitto rischia di rovinare la festa, l'ospite può scegliere di non invitare una o due persone che non possono vedersi nell'estrazione. “Ma spesso è difficileLo psicologo aggiunge Perché è difficile immaginare, in particolare, un genitore che scelga tra due figli.

Ma siamo ottimisti, nonostante le pressioni legate ai preparativi, il periodo natalizio è sinonimo di un momento “magico”, poiché riporta l'immagine di una famiglia felice, che può mettere in uno stato d'animo positivo. “Per alcuni, questo è il momento della riconciliazione. Pensiamo al tempo che passa e ci diciamo che è insensato restare in conflitto e che vogliamo partire con il piede giusto.

Non è sempre facile, ma è un'opportunità per fare il primo passo. L'altro potrebbe essere sotto pressione a questo punto. Attenzione però a non avere troppe aspettative. “Devi tenere presente che l'altra persona potrebbe non essere pronta.Per risolvere il conflitto, lo psicologo consiglia di parlare finalmente con la parola “io”, ad esempio: “Sono rimasto ferito per questo o quel motivo. “Ciò eviterà che l’altra persona si senta attaccata e avvierà un dialogo calmo.

READ  Germania: Greta Thunberg è stata portata via dalla polizia