Marzo 2, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il caso Theo: “Sono felice di rimettere la verità al suo posto” | mondo

Il caso Theo: “Sono felice di rimettere la verità al suo posto” |  mondo

“Sono felice di riportare la verità al suo posto. Non ho mai mentito in questa storia, e sono molto felice che sia stata ascoltata e che siano stati puniti”, ha detto il 29enne a Channel 24 Hour News, nel suo prima reazione alla conclusione del processo.

Dopo due settimane di udienze, il tribunale penale di Seine-Saint-Denis ha condannato venerdì sera tre agenti di polizia alla sospensione condizionale della pena da 3 a 12 mesi per l'arresto avvenuto il 2 febbraio 2017 nella città di Aulnay-Sous – popolazione 3.000. Bois, un caso diventato simbolo della violenza della polizia.

Tra i tanti atti di violenza ritenuti ingiustificati dai giudici c'è stato il pestaggio del giovane con un manganello vicino all'ano. Ciò ha portato alla lacerazione del suo sfintere (muscolo anale), con una ferita profonda dieci centimetri. Nonostante due interventi chirurgici, ora soffre di incontinenza urinaria.

“La mia attenzione era più nel condannarli per le azioni che avevano commesso. “Dopodiché, tutto ciò che riguarda le sentenze legali non è il mio campo”, ha detto Theo Lohaka su BFMTV, insieme al suo avvocato Antoine Faye. “Se una persona comune avesse fatto questo, i risultati non sarebbero stati gli stessi. Per me, queste persone non sono agenti di polizia. Quindi, avremmo dovuto condannarli come persone comuni.” In risposta alla domanda di un giornalista di BFMTV: “Fate ritieni che ci fosse un trattamento preferenziale perché erano agenti di polizia?” ? “Certo”, risponde Theo, prima di aggiungere: “È così, non abbiamo altra scelta”.

Nella sua decisione, visionata dall'Agence France-Presse, il Tribunale penale ha ritenuto che la vittima non soffrisse di una “invalidità permanente” perché le sue “lesioni organiche” non avevano portato a “privarla irrimediabilmente” dell'uso del suo organo . Ha quindi condannato l'autore dell'aggressione in discoteca, Marc-Antoine Castellane, per l'accusa meno grave di violenza che comporta una pena detentiva di 60 giorni, cioè un crimine, non un crimine.

READ  I servizi segreti belgi ricorrono maggiormente a "metodi straordinari" | Belgio

Le varie parti hanno accolto con favore l'attenta sentenza al termine del processo. L'avvocato di Teo Luhaka ha descritto la decisione come una “decisione di pacificazione”, mentre l'avvocato dell'ufficiale di polizia Marc-Antoine Castellane ha espresso la sua “grande soddisfazione”.