Luglio 1, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il campione italiano di sughero Cognac vuole mercato

Inviato il 28 aprile 2022 alle 09:31Aggiornato il 12 aprile 2022 alle 12:09

Gabriele Del Torchio, amministratore delegato del leader mondiale nelle “soluzioni di chiusura” di vino e distillati, ha fissato l’asticella più alta. Il Kuala Closer ha iniziato a conquistare i più grandi giocatori Industria del cognac E il whisky (Hennessy, Martell, ecc.) offrendo le loro preziose bottiglie di alluminio, plastica, legno o tappi sintetici (insieme al sughero che compra). Il leader milanese, specializzato in capsule, è meno fiducioso del suo potenziale di crescita nel campo dei vini rossi d’eccellenza. “Che sia in Francia o in Italia, questo mercato è legato all’auto”, spiega Gabriel del Torcio.

Detto questo, “lo sviluppo del picco di gamma è una delle nostre priorità e il settore degli alcolici si presta a questo”, afferma. Con i suoi 6 hub di ricerca e sviluppo nel mondo e un numero impressionante di brevetti (170), il team italiano ha creato una gamma “security”, l’ultima delle quali è un’antenna interna per evitare che le banconote false possano “invadere il digitale tappo.” Necessità di raccogliere le bottiglie vuote per evitare il riempimento.

Alla ricerca di acquisizioni

Guala Closures conta già i suoi clienti come i maggiori attori nel settore del vino e degli alcolici: Diageo, Pernod Ricard, LVMH (proprietario di “Les Echos”), Beam Suntory, Constellations Brands, Bacardi, Brown Forman Vini del tesoro Ma non voleva fermarsi qui. Il gruppo, formatosi nel 1954, ha fatturato nel 2021 660 milioni di euro, il 15% in più rispetto all’anno fiscale precedente segnato dal Governo e l’8% in più rispetto al 2019. “Ogni anno la nostra crescita è regolare”, insiste Gabriel del Torcio. Negli ultimi dodici anni, i ricavi sono aumentati in media del 5% all’anno.

READ  Manchester United vs Liverpool Punteggio: Ole Gunner Soulscare insultato; Tre punti in Mohamed Salah Trapping

Lo scopo dichiarato è accelerare il ritmo dello sviluppo esterno e fare affidamento in gran parte sulla tecnologia digitale. In questo contesto, la Francia è uno dei mercati di riferimento. Dei 29 siti nel mondo, la squadra italiana ne ha ora solo uno: Chambray-lès-Tours, su Indre-et-Loire.

Ottenuto dalla società di investimento

Nel 2021 la testata delle chiusure è stata acquisita al 100% dal grande fondo italiano Investindustrial, che si è ritirato dalla quotazione a Milano. “La nostra ambizione è quella di dare valore agli azionisti nel lungo periodo senza il fastidio di rendimenti immediati”, commenta Gabriel del Torcio. “Un’azienda privata trova più facile raccogliere fondi”, spiega. Siamo i numeri uno in Europa, Sud America, Oceania e India. D’altra parte, abbiamo ancora margini di crescita significativi in ​​Asia, dove generiamo solo il 10% dei nostri ricavi. ⁇

Negli Stati Uniti, in Oceania e in America Latina, le chiusure kvala costituiscono meno del 30% del suo commercio e si formano tappi a vite. L’amministratore delegato del gruppo esemplifica da quattro a cinque volte meno costi, praticità e mancanza di sapore di sughero. “I giovani uomini e donne sono molto aperti a questa scelta”, dice. In Sud Africa, anche i migliori vini rossi scelgono le capsule, secondo Kuala Closer.

Il marchio britannico Tesco “richiede” cappucci in alluminio. In Francia, il 16% delle bottiglie di vino sono sigillate. Ma è preoccupante Rosa E bianco, completato rispettivamente al 38,7% e al 38%. Le proporzioni sono le stesse in Italia. In Spagna, sono molto più bassi al 9%. Tre leader mondiali nella produzione di vino stanno facendo un ampio uso dei tappi di bottiglia imposti al nord Europa, che è un must.

READ  Il processore anti-spreco Phenix internazionalizza ed esporta il suo competitor italiano MyFoody