Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il governo italiano si rifiuta di uccidere i migranti tranne i minori o i malati

Nelle prime ore di questa domenica, tre minorenni e un bambino sono stati i primi a sbarcare dalla barca “Humanity 1” noleggiata dalla Società Umanitaria nel porto di Catania, in Sicilia. SOS Umanità Vieni ad aiutare Immigrati. Sono seguiti da bambini minorenni e uomini con problemi di salute, ha spiegato Petra Grischok, portavoce della Ong tedesca.

In precedenza, più nuovo Governo italiano di estrema destra Il gruppo, guidato da Georgia Meloni, ha permesso lo sbarco solo a 144 minori e malati, rifiutandosi di accogliere sul suo suolo i 35 uomini adulti a bordo. “Ci sono ancora uomini di trentacinque anni a bordo. Per ora rimaniamo qui e aspettiamo. I sopravvissuti sono profondamente depressi. Una persona è appena esplosa”, ha detto Petra Kryshchok.

Sabato, il ministro dell’Interno italiano Matteo Piantedosi ha affermato che il governo non si tirerà indietro dai suoi obblighi umanitari, ma ha affermato che coloro che sono “indegni” dovrebbero essere assistiti dallo stato di bandiera del paese. Sbarcato a Catania, il vicepresidente dell’opposizione Aboubakar Soumahoro ha criticato aspramente la “scelta dei naufraghi”.

Per questo funzionario eletto c’è una violazione del diritto internazionale e il governo italiano considera come oggetto “coloro che sono intrappolati a bordo e già stremati dal freddo, dalla fatica, dallo shock e dalla tortura”. “Se il resto viene respinto, contesteremo questa decisione in tutti i forum appropriati”, ha affermato.

Tre barche con 900 migranti

Anche altre tre barche che trasportano un totale di 900 migranti sono state invitate ad attraccare. Si tratta di Geo Parents della ONG Mission Lifetime, sempre sotto bandiera tedesca, ma Ocean Viking di SOS Mediterranee e Medici senza frontiere, registrati in Norvegia.

Giovedì il ministero degli Esteri norvegese ha dichiarato di non avere “nessuna responsabilità” per le persone salvate da navi private battenti bandiera norvegese nel Mediterraneo. Da parte sua, la Germania ha spiegato in una “nota” diplomatica indirizzata all’Italia che gli enti di beneficenza “hanno dato un contributo importante per salvare vite umane” e ha chiesto a Roma “di aiutarli il prima possibile”.