Marzo 2, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Il Belgio nel Mar Rosso affronta gli Houthi: “Sembra uno scherzo belga”

Il Belgio nel Mar Rosso affronta gli Houthi: “Sembra uno scherzo belga”

Il Belgio parteciperà alla missione europea nel Mar Rosso, che mira a garantire la libertà di navigazione di fronte ai prossimi attacchi Ribelli Houthi Dallo Yemen, ha annunciato venerdì Kern. Il ministro della Difesa Didondre ha detto che si trattava di una missione difensiva, per proteggere le navi commerciali. Partecipazione belga Questo dovrebbe essere fatto con la fregata Louise Marie.

Accordo globale di Cairn sul Medio Oriente: “Il Belgio chiede un cessate il fuoco immediato a Gaza”, conferma Ludivine Didondire (PS) a La Libre

Cosa significa concretamente questa misura per il Belgio? Nelle colonne dell'HLN, l'ex generale dell'esercito belga Marc Thiess ha espresso i suoi dubbi. “Questa è una buona notizia, ma non possiamo partecipare in modo permanente. Ecco perché abbiamo bisogno di tre fregate e ne abbiamo solo due, una delle quali è in manutenzione.”“, lui spiega. “Sembra una barzelletta belga, sì… ma è soprattutto un esempio di mancanza di volontà politica”.

“Le fregate belghe possono essere impiegate solo un terzo del tempo”.“, spiega il tenente colonnello Tom Simmons ai nostri colleghi, Proveniente dalla Regia Accademia Militare, per manutenzione da eseguire ogni sei mesi. “Pertanto non sappiamo per quanto tempo Louise Marie parteciperà alla missione.

Di fronte ai missili iraniani – i droni Shahed 136 che Putin lancia anche in Ucraina – e che vengono utilizzati dagli Houthi, sarà difficile per il Belgio fare la differenza, ritiene Tom Simons. Le fregate belghe in questione, acquistate nel 2008, sono state costruite nel 1989 dai Paesi Bassi. “Il nostro Paese può certamente dare il suo contributo. Preparando le operazioni, fornendo supporto logistico, analizzando la situazione e ottenendo informazioni di intelligence.”Ma aggiunge Mark Tess. ““Difenderemo solo le navi mercantili”.

READ  Biden évoque un «genocidio» in Ucraina

La messa in sicurezza del Mar Rosso è una questione importante per il Belgio, che possiede l’ottava flotta commerciale più grande del mondo (440 navi mercantili). “La difesa dei nostri interessi economici è da 200 anni una pietra miliare della nostra politica estera. Questi sono i nostri interessi vitali“, insiste la conduttrice.

Tensioni sul Mar Rosso: “Ci sono conseguenze dirette in Belgio e questo è solo l’inizio”