Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I Voice Kids hanno aperto le porte a Malu, che è stato eliminato nella finale martedì

I Voice Kids hanno aperto le porte a Malu, che è stato eliminato nella finale martedì

Malu, se dovessi ricordare una cosa di The Voice Kids?

La gioia di stare sul palco, cantare davanti al pubblico e trasmettere messaggi a quante più persone possibile.

Sei arrivato alla fase finale anche se esitavi ad iscriverti… quanta strada hai fatto!

Ho iniziato a cantare all’età di cinque o sei anni. Quando ero giovane, guardavo lo spettacolo pensando che questo accadesse solo ad altre persone. Ho esitato molto prima di dare il mio consenso ai miei genitori che erano responsabili dell’invio del video e della mia domanda dell’ultimo minuto.

Ho eseguito “No Time to Die” di Billie Eilish durante i bui, “Talking to the Moon” di Bruno Mars nella fase ad eliminazione diretta, “Running Up the Hill” di Kate Bush nella semifinale, e poi “Life on Mars” di David Bowie in finale. Guardando indietro, come consideri la tua prestazione?

Questi sono quattro pezzi che funzionano per me. La mia performance preferita è stata Running Up That Hill, la performance in cui ero più consapevole di essere sul palco a recitare un ruolo. Le quattro fasi sono diverse. Nel caso dei ciechi, si sente nervoso nel vedere le sedie girare o meno. Vi aspettiamo ed è sicuramente il momento più stressante dell’avventura. Nei playoff si è formata un’amicizia nella squadra ed è difficile vedere amici eliminati. Siamo arrivati ​​alle semifinali dove abbiamo davvero capito a che punto eravamo nell’avventura. Passo tra i knockout. La semifinale è la più importante.

Come ci prepariamo tra ogni fase dello spettacolo?

Ci siamo incontrati più volte nei workshop con Alice, e c’erano prove con l’orchestra e con la macchina da presa, mentre io lavoravo anche sulle mie canzoni. C’era un’intera squadra, molto presente intorno a noi per supervisionarci. Sia in termini di canto che di presenza scenica, ho imparato molto. Anche la mia gestione dello stress è migliorata molto.

READ  Cyril Hanoun ritrasmette dal vivo uno dei suoi ospiti in "Touche pas à mon poste" (video)

Se dovessi rifarlo, faresti la stessa cosa? E ha scelto lo stesso allenatore?

Quando sono entrato nello show, il mio desiderio era quello di unirmi al Team Typh, ma ho adorato la mia avventura ed esperienza nel Team Alice. Eravamo sulla stessa lunghezza d’onda, con lo stesso umorismo.

I quattro allenatori non hanno mai mancato di elogiarti durante la tua apparizione. Il tuo coach di Alice sul tetto ha parlato della tua voce come di un dono di Dio, una voce straordinaria. Quale complimento ti ha colpito di più?

Questo ha attirato la mia attenzione, ma mi è piaciuto anche quando mi hai descritto come qualcuno che era in grado di concentrarsi durante le prove e poi essere in grado di offrire lo stesso durante le esibizioni. Ho apprezzato il fatto che abbia riconosciuto il lavoro svolto tra le prove. Se il dono di Dio esiste, è importante preservarlo.

Alla fine Matthew ti ha descritto come un artista completo, che fa tutto in maniera brillante. Hai altri doni nascosti oltre alla musica?

Un artista completo è qualcuno che sa cantare o suonare uno strumento, ma anche qualcuno che sa affascinare il suo pubblico e sa muoversi sul palco. Ho cercato di non essere Malu, ma Malu, l’artista.

Il Malo che abbiamo visto durante le registrazioni è ancora lo stesso oggi, a distanza di un anno?

Ho acquisito maturità, esperienza e conoscenza. Ho imparato molto, sia da The Voice che da un sacco di cose che sono successe dopo. Non penso di aver fatto malo prima. È rimasto molto del vecchio Malu, ma il nuovo Malu è il vecchio, solo migliore.

READ  "100.000€ sono davvero il minimo": Dylan Terry accusa Bubba di un piano fraudolento nell'ambito del traffico di bambini!

Il canto ha ancora la stessa importanza nella tua vita?

SÌ. Ho continuato a prendere lezioni e ho dato alcuni concerti, tra cui il concerto di chiusura della tournée dell’Orp-Jauche dove sono stato accompagnato alla chitarra da Guillaume First, il chitarrista dei Typh Barrow. È stato impressionante. Mi sono interessato anche ad altre cose come il doppiaggio vocale. Ho iniziato a suonare il pianoforte per accompagnarmi quando cantavo e scoprivo altri mondi, e ho capito davvero che amavo stare sul palco e che potevo fare qualcosa con la mia voce.

Hai 14 anni oggi. Ci vogliono 16 anni per partecipare allo spettacolo per adulti di The Voice. È un progetto?

Non ancora. Ma se faccio uno spettacolo per adulti, vedrò a che punto sono con gli altri miei progetti.

La partecipazione a The Voice Kids ha cambiato la percezione delle persone intorno a te, soprattutto a scuola (è al terzo anno di discipline umanistiche a Sint-Victor, ad Alsemberg)?

Penso di aver reso molte persone orgogliose di me. Molte persone, anche persone che non conosco, vengono a congratularsi con me. Ma posso distinguere tra Malu e Malu che canta. Vorrei cogliere l’occasione per ringraziare tutte le persone che hanno partecipato al progetto The Voice, che si tratti della mia famiglia, dei miei amici, del pubblico, delle persone che mi seguono sulle reti, e mi congratulo anche con tutti gli altri talenti, è stata un’avventura meravigliosa.