Dicembre 9, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Reinventare l’industria dei Pokémon: alla scoperta delle carte 3D

Reinventare l’industria dei Pokémon: alla scoperta delle carte 3D

Uno degli artigiani che crea le carte pop-up del set Fusion Strike del GCC Pokémon ha rivelato il suo meticoloso processo.

Il venditore Etsy “ShadowBox” ha rivelato le foto delle sue creazioni che richiedono molto tempo. ShadowBox crea design di carte collezionabili multistrato che “sparano” contro di te, dando vita a questo popolare Pokémon. I suoi design presentano i preferiti dai fan come Gotenks e Vegeta; Ma creano anche carte Yu-Gi-Oh 3D come Mago Nero.

Questo spesso Gengar Vmax di Fusion Strike ha un’arte elaborata e complessa che mostra Gengar mentre usa il suo speciale attacco Gmax, “Engulf”, e il creatore ha spiegato attentamente come realizzarlo.

L’articolo continua dopo l’annuncio

Il processo dietro le carte pop-up Pokémon 3D di questo artista

Ogni carta è “interamente realizzata a mano”, ha affermato ShadowBox. Ha pubblicato una foto che mostra innumerevoli piccoli pezzi di carte pop-up Gengar sparse nel suo ufficio, spiegando il suo processo di taglio preciso degli scarti e di assemblaggio accurato per creare una carta Gengar ShadowBox. “…questo è il clip che è durato 2 ore e 38 minuti,” Questa è ShadowBox.

L’artista presta grande attenzione “Cambiare regolarmente le lame per evitare schizzi di inchiostro.” E i difetti. Alla fine, ha messo insieme queste parti, ottenendo il suo caratteristico design multistrato.

L’articolo continua dopo l’annuncio

Con grande attenzione ai dettagli e un amore scintillante per l’arte dei Pokemon, non sorprende che ShadowBox abbia innumerevoli clienti soddisfatti per i suoi design alternativi di carte collezionabili. Un utente Reddit, Foofighter0234, ha affermato che il prodotto è “straordinario”. Un altro acquirente del negozio Etsy, Tony Huang, ha detto: “Fantastico, alla mia ragazza è piaciuto davvero tanto!”.