Aprile 17, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I videogiochi francesi vivono sotto l’influenza degli aiuti pubblici?

I videogiochi francesi vivono sotto l’influenza degli aiuti pubblici?

Di fronte alla crisi che colpisce il settore, gli aiuti pubblici consentono agli studi di rimanere competitivi. Ma per quanto tempo?

Perdita di 8.000 posti di lavoro dal 1° gennaio nel settore dei videogiochi, difficoltà nel reperire fondi, aumento dei costi di produzione… Dopo gli anni del boom del Covid, l'industria mondiale dei giochi mostra la sua forza I primi segni di mancanza di respiro.

“Le difficoltà sono iniziate a metà del 2023. Ma i licenziamenti sono solo la punta dell'iceberg”, afferma Stephane Rapinoe, capo dello studio Indie Plaza. Tra il congelamento degli investimenti, l'eccesso di giochi sul mercato e le scarse prestazioni di alcuni dei principali attori del settore, il 2024 non sembra molto migliore. “Il pericolo è vedere alcuni studi chiudere per mancanza di fondi”.

In questo difficile contesto, il settore fa affidamento su una serie di aiuti pubblici per rimanere competitivo. e il più importante Credito d'imposta sui videogiochi (CIJV) è stato creato nel 2007. Permette alle società con sede in Francia di beneficiare di una detrazione fiscale del 30% sulle spese ammissibili per un nuovo gioco, fino a 6 milioni di euro.

Un terzo dei bilanci del settore

A questi si aggiungono gli aiuti regionali e gli aiuti finanziati dal settore culturale, come il Centro Nazionale del Cinema con il governo. Fondo di aiuto per i videogiochi (FAJV), rivolto principalmente a studi indipendenti. Troviamo anche aiuti non specifici del settore, come: Ricerca credito d'imposta (camminare).

“Questi programmi sono tra i più generosi al mondo”, conferma Stephane Rapinoe. “Hanno rivitalizzato il settore e hanno permesso a questa industria francese di brillare a livello internazionale”.

Basta guardare la cerimonia Pégases, che premia le migliori produzioni francesi. Tutti i nostri pluripremiati videogiochi hanno beneficiato del sostegno del servizio pubblico.

READ  Une importante fuite sur l'iPhone 14 révèle des smartphones peu excitants
Pegasus 2024 si è tenuto giovedì 7 marzo 2024. – SNJV

In totale, gli aiuti pubblici rappresentano circa un terzo dei bilanci delle imprese che operano in questo settore. Nel dettaglio, il credito d'imposta sui videogiochi corrisponde in media al 14,1% dei finanziamenti secondo Barometro annuale dei videogiochi per il 2023 in Francia È pubblicato dalla Federazione Nazionale dei Videogiochi (SNJV).

Gli aiuti regionali rappresentano qualcosa di più di un semplice finanziamento bancario, con il 12,3% dei budget destinati alla produzione. Solo per quanto riguarda la produzione, il Video Game Aid Fund rappresenta il 7,3% di questi budget.

“Il modello di business non è incentrato sugli aiuti”.

Quindi, l’industria dei videogiochi riceve aiuti pubblici? Tutti i giocatori intervistati concordano sul fatto che il modello di business nel settore dei videogiochi non ruota attorno agli aiuti.

“L'industria non è destinata a esistere attraverso sistemi pubblici. Quando uno studio sviluppa un gioco, non lo fa per ottenere aiuti, ma per attirare un mercato internazionale”, difende Anne Devoisseau, presidente del sindacato SNJV.

“Gli investitori, la firma di un contratto con un editore e la vendita di videogiochi rimangono le principali fonti di finanziamento per gli studi cinematografici”, continua. Le misure governative sostengono quindi altre fonti di reddito.

“C'è una forte influenza degli aiuti pubblici”, aggiunge François Coppins, delegato generale di Push Start, l'associazione dei professionisti e dei futuri professionisti dei videogiochi in Occitania. Perché chi dice che si otterranno gli aiuti dice di rassicurare gli investitori e quindi di un aumento dei finanziamenti esterni.

Ridurre gli importi?

Ma per quanto tempo? Il governo prevede di ridurre le misure adottate in questo settore. “Gli aiuti regionali sono nel mirino del governo. Regioni come l'Ile-de-France, che rappresenta il 50% delle aziende produttrici di videogiochi, o l'Occitania, stanno pensando di ridurre i loro fondi di aiuto, a causa delle carenze di bilancio”, avverte Anne Devoisseau.

“Un potenziale disastro”, secondo François Coppin. “Ciò invierebbe un segnale sbagliato all’intero ecosistema e, in ultima analisi, alla complessità dell’inserimento e dello sviluppo degli attori francesi sulla scena internazionale”.

Una nota condivisa da Stephane Rapinoe. “L’indebolimento delle politiche pubbliche comporta il rischio di vedere gli studi francesi rivolgersi a finanziamenti esteri e perdere il nostro talento”. La Francia, infatti, compete con altri paesi, come il Quebec, che offre un credito d’imposta particolarmente vantaggioso.

READ  Windows 11 e KB5013943, cosa c'è di nuovo? Tutti i dettagli

Un altro grosso rischio è il calo del numero di studi francesi. “Gli aiuti pubblici, soprattutto i meccanismi regionali, sono essenziali per l'emergere di nuovi attori”, continua Anne Devoisseau. Perché quando uno studio viene lanciato, non può fare affidamento sulle vendite di videogiochi per finanziarsi. A rischio di perdere la piccola azienda che potrebbe diventare l'Ubisoft di domani.

I più letti