Ottobre 3, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I prezzi tornano al livello prebellico in Ucraina. continuerai?

È impossibile prevedere. I mercati petroliferi sono volatili e reagiscono al minimo evento geopolitico o turbolenza economica.

L’evoluzione dei prezzi nelle prossime settimane dipenderà in particolare dall’andamento della guerra in Ucraina e dai rapporti tra Russia e Occidente per quanto riguarda le forniture di gas e petrolio: la Russia ci fornirà ancora? In che misura l’Europa boicotterà le energie russe? Questo è l’ignoto e sarà cruciale per il prezzo.

Un altro grande sconosciuto, Relazioni tra Iran e Stati Uniti. Se firmeranno un accordo nucleare, ci sarà un ritorno del greggio iraniano sui mercati, abbastanza per far scendere un po’ di più i prezzi.

In questo contesto di incertezza, le compagnie petrolifere hanno anticipato il più possibile. “Da tempo annunciate le sanzioni europee alla Russia e il boicottaggio di gas e petrolio, I nervi di Olivier Neirinc. Pertanto, le compagnie petrolifere hanno cercato e trovato alternative alla Russia: in Norvegia, negli Emirati Arabi Uniti e forse in Iran… aumentando le proprie quote di produzione per sopperire a questa carenza di petrolio russo.(e) Pertanto sono state adottate misure per garantire gli approvvigionamenti, ma permane l’instabilità globale.

La ripresa dell’epidemia di coronavirus potrebbe rallentare ulteriormente l’economia e quindi ridurre la domanda di petrolio e quindi abbassare i prezzi. Al contrario, la rinnovata tensione in Ucraina e quindi le nuove preoccupazioni per le forniture potrebbero farla risalire. Questo è il principio immutabile della domanda e dell’offerta, che si applica sempre ai mercati petroliferi.

READ  Grandi dimissioni: perché il Lussemburgo è più vulnerabile