Marzo 4, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I domenicani belgi si assimilano alle loro sorelle africane

I domenicani belgi si assimilano alle loro sorelle africane

Nell'estate del 2023, i Missionari Domenicani di Namur, Belgio, si sono fusi con i Missionari Domenicani d'Africa. Della comunità belga, che ha dato vita alla comunità africana negli anni '80, sono rimaste solo sette suore. Suor Clemence Atangayo, Superiora generale delle Suore Missionarie Domenicane d'Africa, spiega che questa integrazione è il frutto della trasmissione dell'evangelizzazione e del carisma domenicano.

Jean Benoît Harel – Città del Vaticano

“Le chiamiamo madri o nonne.” Suor Clemence Atangayo sorride dei missionari domenicani a Namur. Dalla Casa Madre di Kigali, la Superiora Generale delle Suore Missionarie Domenicane d'Africa si rallegra per la fusione della sua comunità con le Suore di Namur, che vede come una continuazione della reciproca cooperazione.

Nel 1983 diversi gruppi domenicani europei operarono in Africa, particolarmente in Ruanda e Burundi. Questo è sorprendente”Famiglia domenicana» Decide di costituire un gruppo per l'Africa secondo la Regola di san Domenico, che si concentra sulla predicazione in tutte le sue forme. Questo è l'atto di nascita dei missionari domenicani in Africa. “Per sostenere la fondazione di questa nuova società, le Suore di Namur furono nominate fondatrici”, spiega suor Clemence. Il programma prevede studi per la missione missionaria nelle scuole, negli ospedali e nelle opere sociali.

Trasferimento graduale delle missioni

Le monache belghe formarono le giovani monache africane, organizzarono la comunità e le accompagnarono fino al 2005. Successivamente i legami tra i due ordini rimasero forti: “Nelle missioni, in Ruanda, nella Repubblica Democratica del Congo… eravamo sempre insieme per lavorare insieme. Poi erano molto stanchi e tornarono a Namur“, dice l'attuale primato generale. A poco a poco, le suore africane stanno assumendo i vari compiti delle loro anziane belghe, ci dice Suor Clemence. “Nel 2010 ci siamo stabiliti nella Repubblica Centrafricana e la nostra missione era sponsorizzare scuole, evangelizzare i Pigmei e sponsorizzare un orfanotrofio. Ma ora abbiamo anche una scuola materna per ragazze, quindi abbiamo intensificato questa missione».

READ  Lo sbarco della Baia dei Porci a Cuba: le conseguenze di questo fiasco potrebbero ispirare la Russia?

Oltre ai compiti pastorali, i due gruppi si aiutano a vicenda. In Belgio, le suore africane vengono per studiare o farsi curare, ma anche per aiutare le sorelle anziane della comunità belga. In Africa, le Suore Domenicane di Namur possono continuare la loro missione di formazione.

Una fusione richiesta dalle Sorelle di Namor

Ma nel 2018 i domenicani di Namur hanno chiesto aiuto e il numero delle suore ha continuato a diminuire. Per rispondere a questa richiesta”Le nostre suore sono andate in Belgio per aiutarle a vivere e sostenerle perché non avevano più molte forze» spiega suor Clemence Atangayo, di origine congolese. Poi arriva la richiesta di integrazione da parte del gruppo di Namur.

Una sorpresa per le monache africane che aspettavano di unirsi alla comunità belga, fondata sulla scia di San Domenico nel XIII secolo. “Quando abbiamo ricevuto la richiesta da parte delle nostre suore, all'inizio è stato sorprendente. Abbiamo detto: ''Voi siete gli allenatori e accettate di venire da noi dopo esservi allenati.'' A poco a poco, ci abbiamo pensato» Attesta la precedenza generale. I legami stabiliti dal 1983 e lo stesso carisma domenicano delle due comunità hanno permesso di facilitare l'integrazione delle due comunità.

Per le monache belghe, che hanno trasmesso la loro esperienza e missione, l'integrazione nella comunità dei missionari domenicani in Africa è una continuazione di questa trasmissione. È come se il gruppo materno venisse a morire tra le braccia della figlia. “Sono diventate come le nostre madri perché ci siamo allenate come le loro bambine» Dice il primato generale della comunità africana.

READ  Scontri tra bande rivali lasciano almeno 41 morti in un carcere femminile in Honduras | mondo

Dopo varie traversie amministrative e legali, la fusione è avvenuta il 6 agosto 2023, festa della Trasfigurazione. “accidentale» Enfasi maliziosa sui domenicani in Belgio. Attraverso il giuramento di obbedienza pronunciato davanti a suor Clemence Atangayo, le sette suore belghe, di età compresa tra 87 e 95 anni, si sono unite a 50 suore domenicane missionarie in Africa, sei novizie e tre volontarie. “È un vero bagno per i giovani» Rallegratevi per le ex suore missionarie domenicane di Namur.

6 agosto 2023, durante l'effettiva fusione delle due comunità missionarie domenicane.

6 agosto 2023, durante l'effettiva fusione delle due comunità missionarie domenicane.

Da oggi la Casa Belga nel quartiere di Salzenes accoglie due suore belghe e tre suore ruandesi, incaricate di prendersi cura delle suore belghe più malate nella casa di riposo. Suor Marie Pascal, ex Direttore Generale, è partita per il Ruanda come supervisore della formazione a Kigali.

Apertura al mondo intero

I Missionari Domenicani d'Africa, situati in Ruanda, Repubblica Democratica del Congo e Repubblica Centrafricana, celebrano quest'anno il 40° anniversario della loro comunità e continuano il loro lavoro missionario con nuovo slancio missionario. “Questa integrazione ci ha dato uno spirito di apertura. La nostra missione si è allargata e non si limita più solo all’Africa, ma al mondo intero. Questa fusione ha risvegliato in noi lo spirito missionario».

Novizi dei Missionari Domenicani in Africa.

Novizi dei Missionari Domenicani in Africa.

La questione della trasmissione nelle società in deterioramento rimane un tema molto caldo per le comunità europee. “Molte congregazioni in Francia hanno la maggioranza dei loro membri nel sud», nota suor Veronique Margeron, presidente della Conferenza dei religiosi e delle religiose di Francia (Corref). Molte domande sorgono per questi raduni allo stremo: “Come pensi al fine istituzionale del tuo istituto? Cosa significa successo?»

READ  Fino a 225€ per 6 ore di parcheggio a Parigi: cosa rischi davvero se viaggi in auto nella capitale francese

La comunità di Suor Clemence Atangayo fornisce un esempio di questo risultato. Attraverso l'esperienza di un'integrazione riuscita, incoraggia le comunità a interrogarsi sul proprio futuro: “IVoglio dire ad altri gruppi esitanti che ogni cosa è possibile con Dio. Dobbiamo avere il coraggio del passo, l'audacia, il rischio, affinché anche la Chiesa possa crescere».