Agosto 12, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

I buoni personaggi di Equasens nel primo tempo

Le settimane si susseguono e si assomigliano agli Equasens.

Azienda leader in Europa di soluzioni IT sanitarie con 1.200 dipendenti, il gruppo Equasens, ex Pharmagest con sede a Villers-lès-Nancy e quotato in borsa dal 2000, ha ottenuto un aumento del fatturato del 10,30% a 103,57 milioni di euro nel primo semestre.

A parità di perimetro, il gruppo ha registrato un aumento del +7,68% a 101,11 milioni di euro, ha annunciato il gruppo.

Ancora una volta, tutte le divisioni dell’azienda stanno mostrando una forte crescita, ad eccezione di Fintech, che è stata influenzata dalla posizione economica di Ségur nel settore della salute digitale.

“La divisione Farmaceutica ha registrato ricavi per 75,81 milioni di euro, in crescita del +6,77% rispetto al primo semestre 2021. La divisione Axigate Link ha registrato ricavi per 15,14 milioni di euro, in crescita dell’8,40% rispetto al primo semestre 2021. Questa divisione rappresentava il 14,62% delle vendite totali del gruppo Equasens. , spiega l’azienda.

strategia orientata al paziente

Il gruppo Equasens integra tre proprietà maggioritarie: “La compliance terapeutica è una questione importante a livello europeo nella cura dei pazienti anziani o di quelli con malattie croniche”.

Nel 2022, il gruppo continua la sua strategia incentrata sul paziente e la buona compliance ai trattamenti e annuncia l’acquisizione di un’ulteriore partecipazione in 3 delle sue filiali in Europa: Multimeds, una società irlandese che produce e distribuisce distributori manuali di pillole; Caremeds, azienda inglese che distribuisce il software di tracciamento eMAR, nelle farmacie e nei dispositivi EHPAD per i farmaci preparati in confezioni di tablet; I-Meds, una società all’ingrosso tedesca.

L’assemblea generale annuale si è tenuta il 28 giugno.

READ  Même pour un ordi quantique, trouver votre code de carte bleue est un casse-tête

Il gruppo, creato da Thierry Chapusso, in questa occasione ha proposto di pagare agli azionisti un dividendo di 1,05 euro per azione per l’esercizio 2021.

Le settimane si susseguono e si assomigliano agli Equasens.

Azienda leader in Europa di soluzioni IT sanitarie con 1.200 dipendenti, il gruppo Equasens, ex Pharmagest con sede a Villers-lès-Nancy e quotato in borsa dal 2000, ha ottenuto un aumento del fatturato del 10,30% a 103,57 milioni di euro nel primo semestre.

A parità di perimetro, il gruppo ha registrato un aumento del +7,68% a 101,11 milioni di euro, ha annunciato il gruppo.

Ancora una volta, tutte le divisioni dell’azienda stanno mostrando una forte crescita, ad eccezione di Fintech, che è stata influenzata dalla posizione economica di Ségur nel settore della salute digitale.

“La divisione Farmaceutica ha registrato ricavi per 75,81 milioni di euro, in crescita del +6,77% rispetto al primo semestre 2021. La divisione Axigate Link ha registrato ricavi per 15,14 milioni di euro, in crescita dell’8,40% rispetto al primo semestre 2021. Questa divisione rappresentava il 14,62% delle vendite totali del gruppo Equasens. , spiega l’azienda.

Il gruppo Equasens integra tre proprietà maggioritarie: “La compliance terapeutica è una questione importante a livello europeo nella cura dei pazienti anziani o di quelli con malattie croniche”.

Nel 2022, il gruppo continua la sua strategia incentrata sul paziente e la buona compliance ai trattamenti e annuncia l’acquisizione di un’ulteriore partecipazione in 3 delle sue filiali in Europa: Multimeds, una società irlandese che produce e distribuisce distributori manuali di pillole; Caremeds, azienda inglese che distribuisce il software di tracciamento eMAR, nelle farmacie e nei dispositivi EHPAD per i farmaci preparati in confezioni di tablet; I-Meds, una società all’ingrosso tedesca.

READ  L'aumento dei prezzi dell'energia colpisce principalmente le famiglie nelle zone rurali

L’assemblea generale annuale si è tenuta il 28 giugno.

Il gruppo, creato da Thierry Chapusso, in questa occasione ha proposto di pagare agli azionisti un dividendo di 1,05 euro per azione per l’esercizio 2021.