Settembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Hubble registra una galassia “in fiore” a 25 milioni di anni luce dalla Terra

Una nuova cattura del telescopio spaziale Hubble mostra una galassia nana irregolare chiamata NGC 1156, situata a 25 milioni di anni luce dalla Terra nella costellazione dell’Ariete. Nell’immagine, i “fiori rossi” maculati possono essere visti in un luogo classificato dall’Agenzia spaziale europea (ESA) come “meraviglia morfologica galattica”.

Questo luminoso “giardino” sparso nell’immagine rappresenta regioni di intensa formazione stellare, che alimentano la massima energia della galassia. Il colore rosso è dovuto all’espulsione di idrogeno gassoso ionizzato da queste giovani stelle.

Il telescopio spaziale Hubble ha catturato una nuova immagine della galassia nana irregolare NGC 1156, situata a 25 milioni di anni luce dalla Terra nella costellazione dell’Ariete. Foto: ESA/Hubble e NASA, RB Tully, R. Jansen, R. Windhorst

“Migliaia di stelle luminose evocano una galassia a spirale, ma manca della caratteristica struttura curva”, afferma un comunicato stampa del partner del progetto Hubble della NASA, l’Agenzia spaziale europea. Tuttavia, emette anche un bagliore diffuso, proprio come una galassia ellittica e il nucleo di stelle più vecchie e più rosse. »

Poiché non si adatta a nessun tipo di forma distinta, né una struttura a spirale né un ellissoide, gli astronomi classificano NGC 1156 come una galassia nana irregolare.

Tuttavia, come indica il sito espace.comSono anche classificate come isolate, poiché nessun’altra galassia è abbastanza vicina da influenzare la loro strana forma e la continua produzione di stelle.

La nuova immagine è stata catturata da Hubble con un programma chiamato Tutte le galassie vicine conosciute (Qualcosa come “Every Known Near Galaxy”, in portoghese), che mira a colmare una lacuna nelle osservazioni galattiche.

“Gli astronomi osservano che solo tre quarti delle galassie a 30 milioni di anni luce dalla Terra sono state osservate da Hubble in modo sufficientemente dettagliato per studiare la formazione delle stelle al loro interno”, afferma un comunicato stampa dell’ESA. “Hanno suggerito che tra i grandi progetti, Hubble potrebbe produrre istantanee dei resti, incluso NGC 1156. Programmi di riempimento come questo hanno assicurato un uso migliore del prezioso tempo di osservazione del telescopio Hubble”.

Hai visto i nuovi video su Youtube aspetto digitale? Iscriviti al canale!