Novembre 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

‘Ho visto morire qualcuno davanti a me’: il sopravvissuto Pablo Mari racconta il brutale attentato nei pressi di Milano

L’Italia è sotto shock. Il difensore Pablo Mari su di esso. questo giovedì sera, Un maniaco ha brutalmente aggredito con un coltello diverse persone nella periferia di Milano, ad Assago. Tra loro c’era il “fortunato” difensore del Monza. In effetti, le perdite sono pesanti: un morto e cinque feriti.

Pablo Mari a sinistra quando giocava per l’Udinese (Foto di Filippo Montefort/AFP) © AFP o suoi concessori

“Sono diventato fortunato”

Il difensore del Monza in prestito dall’Arsenal cammina tranquillamente con moglie e figli al Carrefour nel centro commerciale Milanofiori. Quando un uomo di 46 anni inizia a urlare. Ruba un coltello trovato nel negozio prima di attaccare brutalmente i partecipanti. La schiena di Pablo Mari è stata toccata, ed è stato presto portato all’ospedale Niguarda in elicottero. Fortunatamente la lama non ha colpito i suoi organi vitali e la sua vita non era in pericolo.

Un'immagine che mostra il centro commerciale dove un uomo armato di coltello ha accoltellato cinque persone all'interno del centro commerciale di Assago, a sud di Milano, il 27 ottobre 2022. - È stato arrestato un italiano di 46 anni, apparentemente affetto da problemi psicologici .  Subito dopo che una persona è stata uccisa e altre quattro sono rimaste ferite, tra cui il calciatore dell'Arsenal Pablo Mari, in un attacco a un centro commerciale vicino a Milano.  (Foto di Miguel Medina/AFP)
Le Carrefour ad Assago, dove è avvenuto l’attentato © AFP o licenziatari

Nonostante il suo attacco, il giocatore è già uscito dal silenzio. Momento agghiacciante. “Sono diventato fortunato”Il 29enne spagnolo ha esordito nei commenti raccolti dalla Gazzetta dello Sport. “J’ai vu une personne mourir devant moi. J’étais avec mon bébé et j’ai ressenti une douleur atroce dans mon dos. Puis j’ai vu cet homme poignarder une personne à la gorge. Je vais bien serai lundi nel campo.”

Velocemente è arrivato in ospedale Adriano Galliani, il suo boss al Monza, per sentire il suo giocatore. Rassicurato direttamente l’ex tecnico del Milan. “Pablo Mari ha una ferita abbastanza profonda alla schiena, ma fortunatamente i suoi organi vitali come i polmoni non sono colpiti. La sua vita non è in pericolo. Ha delle ferite ma non molto gravi. È cosciente. Ha avuto il forza di scherzare sul fatto che lunedì sarebbe in campo”. Questo venerdì, il giocatore sarà acceso.

READ  Scena surreale: Hit 20 minuti prima della sua gara Wilfried Happio vince il campionato francese con una benda sanguinante per occhi e naso.

“Non sono un eroe”

Venerdì mattina la Gazzetta dello Sport ha fornito ulteriori dettagli sull’attacco. L’uomo che ha aggredito i civili aveva seri problemi mentali. Prima di essere arrestato dalla polizia, è stato Massimo Tarantino, ex calciatore e ora direttore sportivo, a intervenire per fermare lo squilibrio.

‘Stava solo urlando’spiega l’ex bolognese che ha bloccato il pugnale prima che fosse consegnato all’esercito alla stazione di Corsico (Milano). “Non ho fatto niente, non sono un eroe”come spiegato.

In questo brutale attacco, la fortuna di un uomo sarebbe stata molto inferiore rispetto agli altri. Ha 30 anni di origine sudamericana. Ad eccezione di Pablo Mari, le condizioni delle altre persone contagiate restano gravi. Da parte sua, l’aggressore è stato interrogato per tutta la notte dalla polizia.