Novembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Ha camminato e mi ha detto che eri stato bandito dal negozio.”


Il 7 dicembre, Kirk Bishop ha visitato un negozio Tesco. Il 44enne britannico, che ha un cancro ai reni al quarto stadio, è abituato al supermercato ma questa volta non potrebbe rimanerci a lungo. Poiché era appena entrato, una guardia di sicurezza del negozio gli si è avvicinata e gli ha detto di lasciare immediatamente l’edificio. “Si è avvicinato a me e ha detto ‘Ti è proibito entrare in questo negozio'”, ha detto l’ex badante a il Sole.

Quando è venuto a riprendersi i suoi farmaci vitali (gli hanno permesso di alleviare il dolore legato al cancro), Kirk non è stato in grado di continuare i suoi doveri. “Sono rimasto scioccato. Non potevo credere a quello che mi stava dicendo. Quando gli ho chiesto perché diavolo lo stesse facendo, ha risposto che ero stato identificato come un ladro di negozi…”

Una denuncia di un altro cliente sorprese gli anni Quaranta. “Era assolutamente ridicolo. Ho detto loro che avevano la persona sbagliata. Non sono un ladro di negozi e non ho nemmeno precedenti penali per niente! “Ci rassicura. La situazione è resa ancora più impressionante quando Kirk e la sua fidanzata fa la spesa quasi ogni giorno in questo Tesco.

“Era disgustoso”

Elizabeth, la fidanzata di Kirk, aggiunge: “Abbiamo cercato di spiegare al carceriere che Kirk aveva un cancro terminale, ma lui non voleva ascoltare e continuava a dire che Kirk doveva andarsene”. Sebbene la coppia abbia potuto incontrare il manager su loro richiesta, non hanno ricevuto le scuse che avrebbero voluto. “Abbiamo lasciato la spesa, siamo usciti e abbiamo detto loro che non saremmo mai più andati a fare shopping lì. Era disgustoso…”

Un duro colpo per la famiglia che già doveva convivere con la malattia di Kirk. “È molto malato e questa è l’ultima cosa di cui abbiamo bisogno nella nostra vita ora, dopo tutto quello che abbiamo passato come famiglia nelle ultime settimane. Siamo entrambi molto arrabbiati per il modo in cui siamo stati trattati. Vogliamo solo delle scuse di Tesco».

Contattato dal tabloid britannico, un portavoce del minimarket si è scusato con Kirk. “Siamo così dispiaciuti che sia successo. Ci rammarichiamo anche del danno arrecato al signor Bishop e al suo partner. Stiamo indagando sull’incidente con la nostra agenzia di guardia di sicurezza e saremmo lieti di accogliere il signor Bishop nel negozio in modo da poterci scusare di persona”.

READ  Contro Omicron, SNCF rimuove TGV e Intercités