Dicembre 6, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: Zelensky rivendica progressi “forti” e ringrazia in particolare due paesi

Nel suo discorso quotidiano pubblicato sui social network, ha affermato che l’esercito ucraino sta facendo “progressi rapidi e abbastanza forti nel sud del nostro Paese”.

Il signor Zelensky ha accolto con favore che “dozzine di località sono state liberate solo questa settimana” nelle quattro regioni annesse dalla Russia alla fine della scorsa settimana.

Ha citato in particolare le otto località che le forze di Kiev hanno sequestrato nella regione di Kherson (sud), dove l’esercito russo si è ritirato, secondo le mappe fornite martedì dal ministero della Difesa russo.

Le mappe presentate da Mosca, rispetto alle mappe del giorno precedente, mostrano che le forze russe hanno lasciato un gran numero di località nella regione di Kherson, in particolare la regione di Dudchany sulla sponda occidentale del fiume Dnepr, mentre l’esercito ucraino era avanzando. C’è un contrattacco da diverse settimane, che finora ha faticato a sfondare.

Una mappa della regione di Kharkiv (nordest) mostra che i russi hanno lasciato quasi tutta la sponda orientale del fiume Uskil, l’ultima area della regione che ancora controllano.

“I nostri soldati non si fermano. È solo questione di tempo prima di cacciare l’occupante da tutte le nostre terre”, ha sottolineato il capo di stato ucraino.

Zelensky ringrazia Biden per il “continuo supporto militare”

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky martedì ha ringraziato Joe Biden per il “continuo sostegno militare e finanziario” degli Stati Uniti di fronte all’invasione russa durante una conversazione telefonica, dopo che Washington ha annunciato una nuova spedizione di armi a Kiev.

“È stato bello ascoltare le parole del presidente Biden secondo cui i nostri militari ispirano il mondo e la nostra gente ispira il mondo”, ha detto Zelensky su Telegram.

READ  Un'auto parcheggiata nello stesso posto per 47 anni diventerà un'attrazione turistica | anormale

Durante questa intervista, il signor Biden ha annunciato una nuova spedizione statunitense di equipaggiamento militare, inclusi quattro nuovi sistemi di lancio di missili HIMAR, che sono stati molto apprezzati dagli ucraini, hanno indicato le autorità statunitensi all’inizio della giornata.

I sistemi HIMARS, accurati e potenti, hanno svolto un ruolo importante nei recenti sviluppi militari ucraini.

Il resto di questa nuova componente degli aiuti militari statunitensi include in particolare 32 obici, decine di migliaia di munizioni leggere e di artiglieria, sistemi di mine e 200 veicoli corazzati.

L’esercito russo si è ritirato, martedì, nella regione di Kharkiv (nordest) ma anche nella regione di Kherson (sud), secondo le mappe fornite dal ministero della Difesa russo, che mostrano gli ultimi successi della controffensiva ucraina sul territorio annesso di Mosca.

Zelensky ha anche elogiato il “sostegno” dell’India.

Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha elogiato il “sostegno” dell’India all’Ucraina di fronte all’invasione russa in una rara telefonata con il primo ministro indiano Narendra Modi, un mese dopo che Kiev ha criticato Nuova Delhi.

La presidenza ucraina ha dichiarato in una dichiarazione che Zelensky “ha ringraziato Narendra Modi per il sostegno dell’India alla sovranità e all’integrità territoriale dell’Ucraina”.

Il aussi souligné l’importance de la récente déclaration de M. Modi, qui a pris position contre cette guerre lors d’un entretien avec Vladimir Poutine mi-septembre, où il lui avait dit: “l’heure à n’est pas “la guerra”.

New Delhi è stata criticata da Kiev per la sua neutralità fino ad allora di fronte all’invasione russa. Anche il capo della diplomazia ucraina, Dmytro Kuleba, ha accusato l’India di “approfittare” dei “sacrifici” ucraini e occidentali, riferendosi ai profondi tagli dell’India al greggio russo.

READ  La tradizione perduta nell'era di Donald Trump è tornata alla Casa Bianca

“L’India ha l’opportunità di acquistare petrolio russo a un prezzo molto basso (…) solo perché qualcuno sta morendo in Ucraina e qualcuno in Europa ha imposto sanzioni”, ha lamentato Kuleba.

Più conciliante, il sig. Zelensky martedì ha sottolineato con il sig. Modi “l’importanza di rafforzare il partenariato Ucraina-India sullo sfondo dell’aggressione russa contro l’Ucraina”, secondo la presidenza ucraina.

Ha anche denunciato “il ricatto nucleare russo, soprattutto nella centrale ucraina” di Zaporizhia, occupata dalle forze russe. Il presidente ucraino ha aggiunto che questa era “una minaccia non solo per l’Ucraina ma per il mondo intero”.

La sua intervista arriva il giorno dopo la partenza di Kouleba per un viaggio di dieci giorni in Africa volto a “rafforzare il sostegno politico” a Kef nel continente, dove nessun paese si è legato alle sanzioni occidentali contro la Russia.

La Russia sta anche cercando di attirare l’Africa dalla sua parte. Quest’estate, il capo della diplomazia Sergey Lavrov ha visitato diversi paesi africani.

L’Ucraina è un importante fornitore di grano per l’Africa, ma le sue esportazioni sono diminuite drasticamente quest’anno a causa del blocco russo dei suoi porti marittimi, che ha fatto salire i prezzi.