Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: “So da dove vengono gli ordini”, testimonierà davanti alla Corte penale internazionale un ex ufficiale della Wagner

Guerra in Ucraina: “So da dove vengono gli ordini”, testimonierà davanti alla Corte penale internazionale un ex ufficiale della Wagner

Il 60enne, che si trova già nei Paesi Bassi, è intervenuto al programma “EenVandaag”. Ha detto di aver lavorato come soldato per 25 anni. Iniziò il suo servizio nell’esercito ufficiale russo, prima di unirsi al Gruppo Wagner. Ha lavorato soprattutto in Ucraina dopo l’annessione della Crimea nel 2014”.Là ha sostenuto i cosiddetti separatisti ed è stato testimone di una campagna di propaganda ben ponderata“.

Guerra in Ucraina: “La Russia si sta preparando per una guerra su larga scala contro la NATO”

Ho assistito ad atrocità commesse contro i civili“, È per spiegare.”So da dove vengono gli ordini“Queste atrocità riguardano, ad esempio, il rapimento di bambini in Bielorussia. Altri crimini riguardano i prigionieri di guerra. Secondo l’ex ufficiale sarebbero stati maltrattati e giustiziati.

Da allora lo è statoPerdita di fiducia nella questione russaDoveva affrontare un processo militare in Russia perché l’anno scorso si era rifiutato di giustiziare gli ucraini.

In precedenza aveva presentato una dichiarazione scritta all’Aia. In esso spiega che gli ordini provengono dal Ministero della Difesa di Mosca o direttamente dall’ufficio di Vladimir Putin. Parla anche della Crimea: “Abbiamo inconsapevolmente partecipato al colpo di stato guidato dalla Russia in Ucraina“.”Credevamo che in Ucraina ci fosse un risveglio nazionale di carattere fascista. Le tombe dei nostri antenati saranno dipinte con svastiche“Lui continuò.”Ma dopo due anni lì, ho capito che niente di tutto ciò era vero.

Cattive notizie continuano ad arrivare in Ucraina: Putin vincerà la sua guerra?

Ora vuole fare una dichiarazione orale su ciò che ha visto in Ucraina. Spera che, grazie alla sua testimonianza, la Corte penale internazionale possa comprendere meglio come funziona la catena di comando russa.

READ  "Non è possibile.. Dobbiamo trovare una soluzione" (foto)

Per quanto riguarda il rischio che corre testimoniando, Igor Salikov è ben consapevole di mettere in pericolo la sua vita. “Ma è quello che ho fatto per tutta la vita“, spiega l’uomo fuggito dalla Russia.