Febbraio 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Secondo il calendario gregoriano: 18 dicembre 1582, un giorno che non esiste

Secondo il calendario gregoriano: 18 dicembre 1582, un giorno che non esiste

Oggi ci sembra perfettamente normale che una settimana duri sette giorni e che ogni anno sia lungo 365 giorni, fatta eccezione per l’anomalia degli anni bisestili. Ci sembra naturale che ogni anno sia composto da 12 mesi con un’anomalia: ci sono mesi di 28 giorni, 30 giorni e 31 giorni. Tutto questo non nasce dal nulla, ma è il risultato di due cose: da un lato il patrimonio storico e dall’altro le fasi lunari.

Se oggi questa prestazione è pienamente integrata, non è sempre stato così. Inoltre, in epoca romana, la settimana di sette giorni non esisteva, ma apparve solo nel primo secolo dopo Gesù Cristo. In precedenza, un anno aveva 355 giorni e l’anno successivo aveva 377 giorni. Giulio Cesare Deciderà di riorganizzare tutto questo e creare il calendario giuliano.

D’ora in poi, l’anno inizierà il 1° gennaio e i mesi saranno fissati come attualmente a 30 e 31 giorni, con febbraio che ne avrà solo 28 escludendo 29 anni bisestili. Questo calendario sarebbe in vigore fino al XVI secolo. Ma c’è un problema con gli anni bisestili. Nel calendario giuliano, ogni 4 anni si verifica un anno bisestile, ovvero la durata media di un anno è di 365 giorni e 6 ore. Il problema è che l’intervallo di tempo perché il sole ritorni in una posizione simile a quella in cui era, non è di 365 giorni e 6 ore, ma piuttosto di 365 giorni, 5 ore e 48 minuti… il che fa la differenza 12 minuti all’anno . Ciò significa una differenza di 20 ore in un secolo e di 8 giorni in un millennio.

Nel XVI secolo questa contraddizione poneva soprattutto un problema religioso. La più grande festa cristiana, la Pasqua, la cui data in primavera oscilla secondo le fasi lunari, si sposta sempre più verso l’estate. A Papa Gregorio 13È necessaria una riforma del calendario giuliano. Agli astronomi verrà chiesto di proporne una nuova versione: il calendario gregoriano. Adottato nel 1582, questo modificherebbe leggermente il calcolo degli anni bisestili.

READ  Convalidato il progetto eolico Katabata: "Energia rinnovabile illimitata" disponibile in Groenlandia

Ma soprattutto, per correggere gli errori del passato, il passaggio al calendario gregoriano richiede una riforma radicale: eliminare semplicemente dieci giorni dal calendario. Pertanto, i contemporanei di questa riforma dormirono la sera del 9 dicembre e si svegliarono la mattina del 20 dicembre. Creando un enorme divario, il nulla nella sequenza temporale.