Aprile 23, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: Odessa nel mirino del Cremlino più che mai? Vladimir Putin ne fa un’ossessione

Guerra in Ucraina: Odessa nel mirino del Cremlino più che mai?  Vladimir Putin ne fa un’ossessione

Raddoppiare i segnali

Tuttavia, i segnali in questa direzione sembrano aumentare. Lunedì 18 marzo un elicottero abbandonato è esploso in una base militare in Transnistria, una regione secessionista della Moldavia. Questa informazione non ha suscitato molta eccitazione, ma la Russia ha immediatamente accusato l'Ucraina di essere dietro l'attacco. I separatisti locali hanno chiesto aiuto alla Russia, l'evento è stato dimenticato e tutto indica che dietro questa apparente provocazione c'è Mosca.

Tuttavia, la Transnistria potrebbe strategicamente consentire al Cremlino di mettere in atto un vecchio piano. Già nel 2014, nel pieno della destabilizzazione del Donbass, Vladimir Putin ha esaltato i meriti della “Nuova Russia” per convincere la popolazione separatista della regione ad aderire alla Federazione Russa. “Nuova Russia” si riferisce direttamente a una regione che esisteva ai tempi dell'Impero russo, che collegava Rostov (Russia) alla Moldavia attraverso l'Ucraina. Nel cuore di questa regione troviamo la penisola occupata della Crimea, in particolare Odessa, città cara ai russi così come agli ucraini.

A Odessa, la strana normalità di una guerra senza fine: “Goditi la vita, non sai mai quando potrebbe finire”.

Odessa “passato russo”

Durante la sua conferenza stampa annuale dello scorso dicembre, Vladimir Putin ha ricordato sottilmente il “passato russo” della città di Odessa, da cui era ossessionato. Nel 2022, il capo del Cremlino aveva precedentemente affermato quanto segue: “Odessa può essere un luogo di contesa, un simbolo della risoluzione dei conflitti, un simbolo della ricerca di una sorta di soluzione a tutto ciò che sta accadendo ora”.. È un modo per suggerire che la città potrebbe essere l’obiettivo finale del suo esercito, un obiettivo che costringerebbe l’Ucraina a negoziare.

READ  Lindsay divorzia, ma il giudice le ordina di restituire le sue foto di nudo al suo ex marito!

Ma nel 2014 i suoi uomini non riuscirono a occupare la città. Il 2 maggio 2014, 48 attivisti filo-russi furono uccisi durante un’operazione di destabilizzazione. Gli attivisti ucraini si sono opposti violentemente all'arrivo della Russia. Questo disastro ha caratterizzato il presidente russo, che ne fa regolarmente riferimento nei suoi discorsi per giustificare la guerra in Ucraina.

300.000 uomini?

E se le dichiarazioni politiche su questa città sono decine, anche la televisione di stato fa molto, quotidianamente, per descrivere questa città come un obiettivo storicamente chiaro per la Russia. Allo stesso livello del porto di Sebastopoli nel cuore dei russi nostalgici dell'Unione Sovietica, Odessa si trova soprattutto nel cuore del controllo navale ucraino sul Mar Nero. È anche da questa regione che Kiev può ancora esportare i suoi cereali. La presa della città rappresenterebbe una minaccia anche per la Moldavia, la cui regione meridionale filo-russa, la Gagauzia, è regolarmente sottoposta a tentativi di destabilizzazione.

Dopo la sua rielezione, Vladimir Putin è stato accusato di preparare una nuova “gerarchia militare” in Ucraina. Dopo l’attentato di Mosca, un nuovo estremismo sulla questione ucraina sembra ormai inevitabile. Il collegamento proposto tra l'atto terroristico e l'Ucraina è improbabile, ma il Cremlino e i suoi portavoce stanno cercando di dimostrarne l'esistenza. La repressione che potrebbe innescare una nuova ondata di mobilitazione aumenterà necessariamente in seguito all’attacco.

La settimana scorsa, il giorno prima dell’attentato, Dmitry Peskov ha rotto la barriera psicologica spiegando che in Ucraina era già in corso la guerra. Un modo per ricordare alla popolazione che deve vivere in tempo di guerra. Il media indipendente russo Verstka sostiene che 300.000 uomini, comprese potenziali nuove reclute, potrebbero presto essere inviati in Ucraina.

READ  I camionisti polacchi bloccano il confine ucraino per denunciare la concorrenza sleale | mondo