Aprile 24, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: Londra chiede il sequestro dei beni russi congelati per ridistribuirli a Kiev, ma l'idea è complicata – 26/02/2024 14:03

Villaggio di Bogatyr, regione di Donetsk, 14 febbraio 2024. (Servizio di emergenza ucraino/Bollettino)

La Banca Mondiale stima che il costo della ricostruzione del paese, devastato dalla guerra durata due anni, sia di oltre 486 miliardi di dollari.

Il costo del sostegno all’Ucraina grava pesantemente sulle finanze dei paesi sviluppati. C’è un’idea che sta guadagnando terreno: far pagare il prezzo alla Russia. I leader del G7 hanno dichiarato in una dichiarazione di sabato 24 febbraio che vogliono lavorare “su tutti i modi possibili in cui…

È possibile utilizzare i beni sovrani russi

Sostenere l’Ucraina, in conformità con i nostri sistemi giuridici e il diritto internazionale”. Domenica il primo ministro britannico Rishi Sunak ha invitato gli occidentali a

Confisca dei beni russi congelati per la ridistribuzione all'Ucraina.

supplicando

Il Times della domenica

Inviare inizialmente gli interessi di questi beni a Kiev.

“quello

Idea attraente

confiscare il primo premio”, all’epoca

Un po' di stanchezza

Frédéric Dubany, professore alla Facoltà di Giurisprudenza dell'Università della California a Lovanio in Belgio, ha detto all'AFP che nei paesi sviluppati stanno emergendo richieste di assistenza all'Ucraina. Tuttavia, la mobilitazione di miliardi russi ora congelati nei conti occidentali contraddice ciò

diversi ostacoli,

Se ne discute da mesi tra esperti di diritto e geopolitica.

Di quali importi stiamo parlando?

Dopo l’invasione russa dell’Ucraina, l’Unione Europea e i paesi del G7 sono rimasti congelati

Un patrimonio da 300 miliardi di euro

La Banca Centrale Russa, secondo l'Unione Europea. Aggiunto ad esso

Confisca dei beni privati

Di persone legate al potere russo, come gli yacht e le tenute degli oligarchi. Non esiste alcuna documentazione che calcoli il totale, ma secondo l’Institute for Legislative Ideas, un think tank ucraino che afferma di mettere in discussione le fonti ufficiali,

Limitati 397 miliardi di dollari.

Da parte sua, la Banca Mondiale apprezza

La ricostruzione del Paese è costata più di 486 miliardi di dollari

Devastato da due anni di guerra.

dove sono i soldi?

Specialmente in

Unione Europea

: Lì sono stati congelati circa 200 miliardi di euro della Banca centrale russa, il 90% dei quali gestiti da Euroclear, un organismo internazionale di deposito di denaro fondato in Belgio. Il resto è condiviso principalmente tra…

Stati Uniti, Giappone, Regno Unito, Austria, Svizzera,

Secondo l'Istituto per le idee legislative.

Cosa impedisce?

Gli occidentali si trovano ad affrontare il denaro della Banca Centrale Russa

“Immunità dall'esecuzione”

Principio del diritto internazionale che impedisce il sequestro dei beni di uno Stato da parte di un altro Stato. E il

Il diritto alla proprietà privata

In teoria impedisce la confisca definitiva dei beni posseduti dai privati. Per quanto riguarda il primo principio, la “continua riluttanza” significa che la ridistribuzione dei beni congelati allo Stato vittima “non è mai stata utilizzata”, afferma Frédéric Dubany – anche se alcuni giuristi ritengono che ciò potrebbe rientrare nel quadro di una “risposta proporzionata”. Le ripercussioni dell’invasione russa sull’economia globale.

Due casi simili

R: Il Kuwait ha potuto beneficiare dei fondi iracheni a titolo di riparazione dopo l'invasione del paese nel 1990. Recentemente, gli Stati Uniti hanno congelato i beni della Banca Centrale afghana dopo che i talebani sono tornati al potere e hanno pianificato di distribuirli a beneficio dell'Afghanistan . Popolo afghano. Ma nel primo caso erano coinvolte le Nazioni Unite, nel secondo l'obiettivo era l'interesse del popolo afghano.

Rappresenterà la confisca definitiva dei beni pubblici russi

Un precedente pericoloso

Per quanto riguarda il diritto internazionale, ha detto all'AFP Nicola Veron, ricercatore presso l'American Peterson Research Institute. “Se fossimo in guerra, tutto cambierebbe

“Non siamo in guerra con la Russia”.

Inoltre, la Russia

Minaccia di ritorsione

Contro gli interessi acquisiti dell’Occidente nel Paese. Alcuni sono preoccupati per l’impatto sugli investimenti provenienti da paesi terzi, come la Cina, che potrebbe ridurre i suoi asset nei paesi occidentali per paura di essere sequestrata in caso di conflitto.

Chi si è fatto avanti?

Alla fine di gennaio la Commissione europea ha proposto ai paesi dell’UE

Piano in due fasi

: In primo luogo, i gestori dei depositi, come Euroclear, segregano gli interessi o i profitti generati e li congelano in un conto separato; Quindi, in secondo luogo, dare un nuovo suggerimento riguardo alla sua cattura e utilizzo. Gli importi in questione potrebbero aumentare rapidamente: Euroclear ha annunciato all'inizio di febbraio di aver saldato l'anno scorso.

5,5 miliardi di euro di interessi attivi

Di cui 4,4 miliardi legati solo a fondi russi. Il Belgio tassa già le entrate di Euroclear e prevede di pagare 1,7 miliardi di euro all'Ucraina quest'anno.

Negli Stati Uniti, il Congresso sta lavorando a una proposta di legge (“Ukrainian Buyback Act”) che potrebbe rendere possibile questo

Confisca di beni russi per aiutare l'Ucraina.

Anche Canada ed Estonia si stanno muovendo in questa direzione.

READ  Gli hacker fanno trapelare i dati personali di oltre 1.000 giudici dopo i disordini | La morte di Naël