Dicembre 8, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Guerra in Ucraina: la Russia ha completato la mobilitazione di 300.000 soldati di riserva

“Il compito di reclutare 300.000 persone è stato portato a termine”, ha detto Shoigu alla televisione russa, seduto di fronte a Putin, aggiungendo che 41.000 di loro sono già schierate in unità militari in Ucraina.

“Non sono previste missioni aggiuntive”, ha affermato, osservando che la Russia non prevede di mobilitare più riservisti e civili nel prossimo futuro.

Ma ha aggiunto che la Russia continua a reclutare volontari e ad assumere soldati.

Secondo il ministro, 218.000 riservisti vengono addestrati nelle basi militari russe, 41.000 sono schierati in unità militari che combattono in Ucraina e altri 41.000 si trovano nella zona del conflitto ma sono ancora in addestramento.

“Vorrei ringraziare tutti coloro che si sono uniti ai ranghi delle forze armate. Vi ringrazio per questa fedeltà al dovere, per questo patriottismo”, ha detto Putin.

Il presidente russo, come il suo ministro, ha riconosciuto ancora una volta il fallimento di questa mobilitazione, che ha visto molte persone non qualificate di per sé che si sono trovate immerse oltre che prive di attrezzature.

Ma venerdì Shoigu ha confermato che tutti i problemi con le apparecchiature erano stati “risolti”.

Il 21 settembre il presidente russo ha annunciato la mobilitazione di 300.000 soldati civili di riserva per rafforzare le sue linee, mentre l’esercito ucraino ha costretto le forze russe a ritirarsi in diverse aree del fronte, soprattutto nel nord-est e nel sud.

L’annuncio ha sgomberato un’indefinibile folla di russi fuggiti dal Paese per paura di essere mandati a combattere.

La Russia ha anche chiesto l’annessione delle quattro regioni dell’Ucraina orientale e meridionale, dove si trova quasi l’intera linea del fronte.

READ  Prezzi dell'energia: le scuole britanniche si preparano al brivido