Maggio 26, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli scienziati seri prevedono una rivoluzione umana

Gli scienziati seri prevedono una rivoluzione umana

Cosa succede quando moriamo? La scienza avanza su questo argomento a una velocità sorprendente e indica che una futura “resurrezione” non può più essere esclusa.

Dalla metà degli anni ’70, molti ricercatori si sono interrogati su questo momento in cui passiamo dalla vita alla morte. Le ultime ricerche mostrano che i confini tra la vita e la morte sono più “porosi” di quanto si possa immaginare. Stupisce quello condotto da Jimmo Borjigin, che studia neuroscienze all’Università del Michigan. Nel suo ultimo lavoroLa sua prima osservazione è che “nel cervello accadono cose che non hanno senso”.

All'inizio della sua carriera, Jimo Bujegin studiò per la prima volta, insieme a diversi colleghi, il caso di una giovane donna caduta in coma dopo un arresto cardiaco, e le cui reazioni neurologiche al momento della morte fecero molto rumore. Il suo cervello è stato riattivato tre volte dopo che i medici hanno disconnesso i dispositivi che la tenevano in vita. Per Jimmo Bujegin la giovane aveva avuto un'esperienza di pre-morte (NDE) molto intensa. Nelle ricerche contemporanee dedicate alle zone grigie che circondano la morte, si parla di questo paziente come della persona che soffre di più Paziente 0ne.

Da allora i parapsicologi hanno identificato elementi specifici delle esperienze di pre-morte: vedere la luce bianca, una sensazione di pienezza, una rivalutazione morale della propria vita e la sensazione che l'anima si sta separando dal corpo. Questi quattro effetti sono di gran lunga le reazioni più spesso descritte da coloro che sono tornati in vita. Ma, Come spiega su The GuardianJimmo Borjigin non crede che la coscienza possa lasciare il corpo, anche se concorda sul fatto che nel cervello si verifica un'attività “strana” e inspiegabile al momento della morte. Perché, ad esempio, le storie di esperienze di pre-morte sono spesso le stesse?

Una cosa è ormai certa per gli scienziati: la morte non è un punto o un passaggio, ma un processo. Dopo la morte, quando il cuore si ferma completamente, il sangue e l'ossigeno smettono di circolare nel corpo. Le cellule iniziano a collassare. Ma l'attività elettrica del cervello non si ferma immediatamente e gli organi continuano in una certa misura a svolgere le loro funzioni. Meglio: in alcuni casi, può riavviare il cuore e ripristinare la funzione cerebrale. In altre parole, “il processo di morte può essere invertito”, come riassume The Guardian.

READ  salute. Come mangi e rimani idratato per rimanere in salute?

Dagli anni ’70 la medicina e la tecnologia hanno riportato indietro migliaia di persone dalla via della morte. Bocca a bocca, massaggio cardiaco e uso di pacemaker. E questo potrebbe essere solo l'inizio. Nel 2019, una donna britannica di nome Audrey Schumann, sorpresa da una bufera di neve, ha trascorso sei ore in arresto cardiaco prima che i medici la riportassero in vita, senza danni cerebrali.

E se tra qualche anno potessimo far rivivere persone morte da diversi giorni? Lo scienziato Lance Becker, specializzato in questa ricerca, non nasconde il suo entusiasmo per l'imminente potenziale rivoluzione. “Non c'è mai stato un momento più emozionante in questo campo, in cui scopriamo nuovi farmaci, nuove macchine, nuovi dati sul cervello”, ha detto al Guardian.