Luglio 20, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

“Gli occupanti saranno distrutti”: cosa si aspetta dal proseguimento della controffensiva ucraina?

“Gli occupanti saranno distrutti”: cosa si aspetta dal proseguimento della controffensiva ucraina?

Questo lunedì, anche il ministero della Difesa ucraino ha annunciato di aver preso il controllo di 90 chilometri quadrati, principalmente sul lato di Donetsk e Zaporizhia, dove le forze offensive avrebbero avanzato di qualche chilometro. Nella regione di Bakhmut martedì sono stati segnalati pesanti combattimenti, ma notevoli progressi sarebbero stati compiuti dalla cittadina di Tokmak (ripresa lunedì), verso Berdyansk (nel sud del Paese, a circa 80 chilometri da Mariupol).

Avanzata difensiva russa

La leadership ucraina ha dichiarato martedì che “il nemico Fa di tutto per mantenere le posizioni che ha ricoperto. Utilizza attivamente aerei d’attacco e aerei militari, conduce un intenso fuoco di artiglieria. Durante l’offensiva, le nostre forze incontrano campi minati combinati con trincee anticarro. Il tutto si unisce ai continui contrattacchi delle unità nemiche su mezzi corazzati e all’uso massiccio di missili anticarro (n.d.r. munizioni anticarro) e droni kamikaze.

Per ora, sembra che siamo fermiNelle operazioni di ricognizione armata con l’obiettivo di raggiungere una svolta “, analizza Alain De Neve, specialista della difesa presso il Centro per gli studi sulla sicurezza e la difesa (Cesd). Se quest’ultimo se ne accorge “Che gli ucraini stiano utilizzando tutti i mezzi corazzati di terra che sono stati loro messi a disposizione, i famosi carri armati Leopard 2 e altri veicoli corazzati per supportare le manovre mobili.Resta da vedere esattamente cosa hanno in mente gli ucraini. Questi sono stati ostacolati anche dagli sviluppi difensivi russi, in particolare dai sistemi anti-drone, che ora hanno integrato i profili di volo degli UAV ucraini.

“Non eravamo più realmente sulla linea di giunzione creata a est, ma piuttosto siamo andati a sud, soprattutto verso Zaporizhia”.continua Alain De Neve. “C’è un’idea di fare una svolta verso la Crimea? Molto probabilmente. Con l’F16 che probabilmente arriverà insieme allo Storm Shadow (nota dell’editore: missili recentemente introdotti dal Regno Unito) e capacità di attacco più standard, si può immaginare che ci sia il desiderio di muoversi verso questo. Allo stesso modo, un tentativo di sfondare a Donetsk può anche significare che proveranno a spostarsi gradualmente verso Mariupol.

READ  I minatori marocchini vengono drogati e sfruttati dagli algerini

La “sindrome ucraina” colpisce la società russa: le diverse realtà si moltiplicano

Promessa dell’Azov

Oggi, proprio in questo momento, Soldati dell’Azov Stanno scrivendo una nuova storia al fronte in condizioni molto difficili con il proprio sudore e sangue. I suoi occupanti saranno distrutti. La bandiera blu e gialla della libertà sventolerà nuovamente su Mariupol. Il battaglione Azov tornerà a casa.Accuratamente pubblicato questo martedì sul messaggero Telegram, i famosi combattenti del battaglione, che difesero con zelo la città durante il blocco russo a metà maggio 2022.