Febbraio 29, 2024

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli Houthi stanno usando quest’arma che la Russia teme: La Nouvelle Tribune

Gli Houthi stanno usando quest’arma che la Russia teme: La Nouvelle Tribune

Alla luce dell’escalation delle tensioni in Il Mar RossoIL stato unito È stato compiuto un passo importante nella formazione di una coalizione multinazionale in risposta ai crescenti attacchi degli insorti Gli Houthi IL Yemen. Questa coalizione, compresi paesi come Bahrein, Canada, Francia, Italia, Seychelles e Regno UnitoSono stati creati per proteggere le rotte marittime e sostenere il principio della libertà di navigazione, essenziale per il commercio globale.

Ma nonostante la formazione di questa coalizione, gli Houthi non hanno cambiato idea. anzi. Hanno anche appena introdotto un nuovo elemento nell’equazione della sicurezza marittima: i droni marittimi conosciuti come USV. Questo sviluppo rappresenta una significativa escalation nelle tattiche utilizzate dagli Houthi.

L'incidente più notevole che ha coinvolto un USV è stato segnalato da Vice principe Coopercomandante della quinta flotta statunitense di stanza in Bahrein, dove una nave americana lanciata dal territorio controllato dagli Houthi è esplosa in una rotta marittima internazionale.

Di fronte a questa nuova minaccia, le forze armate statunitensi e britanniche hanno intensificato le loro misure difensive, abbattendo un totale di 15 droni nella regione. Questo sviluppo solleva interrogativi sulla fattibilità a lungo termine delle costose strategie dell’Occidente contro gli avversari che utilizzano armi a basso costo, come gli Houthi.

La minaccia alle navi militari statunitensi pone un dilemma tattico per le navi della coalizione. Queste navi devono ora gestire simultaneamente le minacce aeree e di superficie, richiedendo una copertura aerea continua e aumentando drasticamente i costi operativi. Questa complessa situazione è aggravata dal fatto che molte navi commerciali continuano a transitare nella regione, nonostante i rischi crescenti.

Oltre a questi sviluppi, la pressione sulle principali compagnie di navigazione si sta intensificando. Compagnie come Maersk ed Evergreen hanno già iniziato a navigare attorno al Capo di Buona Speranza, evitando lo stretto di Bab el-Mandeb. Questa deviazione porta ad un aumento significativo dei costi di trasporto, influenzando il commercio globale.

READ  La guerra in Ucraina: il New York Times identifica i soldati russi responsabili dell'esecuzione di civili a Bucha

Il recente utilizzo di droni marittimi nel Mar Nero ha evidenziato il loro potenziale dirompente nei conflitti marittimi. In particolare, la Russia ha dovuto far fronte agli attacchi di questi droni da parte dell’Ucraina. Questi incidenti hanno evidenziato la vulnerabilità delle flotte convenzionali alle tattiche asimmetriche che utilizzano tecnologie a basso costo ma efficaci.

Questo sviluppo tattico rappresenta una sfida strategica per le potenze marittime tradizionali come la Russia, che devono ora tenere conto di questa nuova forma di minaccia in mare. Questa realtà sottolinea l’importanza di bilanciare l’azione militare e la diplomazia per mantenere la stabilità in una regione di importanza strategica globale. commercio.