Settembre 28, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Gli effetti dello spazio sul sangue degli astronauti

Il viaggio nello spazio non è facile. I ricercatori ci ricordano questo giorno. Erano interessati all’effetto che questo avrebbe potuto avere sul sangue degli astronauti. Sottolinea la pesante verità della sindrome dell’anemia aplastica.

Sarai anche interessato


[EN VIDÉO] Flusso di globuli rossi in tempo reale
La tecnologia del diagramma di flusso fotoacustico consente di osservare in tempo reale il movimento dei globuli rossi in un capillare. È quindi possibile determinare la quantità di ossigeno contenuta in ciascuna sfera e in uno dei capillari.

Si dice che il viaggio dia forma ai giovani. D’ora in poi, possiamo aggiungere che il viaggio (nello spazio) distrugge i globuli rossi. tasso impressionante. Piuttosto, è una caratteristica essenziale, secondo alcuni Ricercatori dell’Università di Ottawa (Canada). Una conclusione che hanno tratto da sei mesi di lavoro svolto su 14 astronauti In missione a bordo Stazione Spaziale Internazionale (ISS) e La composizione del loro sangue.

Ricorda che i nostri corpi sulla Terra creano e distruggono, ogni secondo, almeno due milioni di globuli rossi. Durante il tempo che trascorrono nello spazio, i corpi di uomini e donne distruggono il 54% in più di globuli rossi. Sono poco più di 3 milioni al secondo. Cosa spiega la sindrome?Anemia nello spazio noto da molto tempo.

fenomeno a lungo termine

Anche se non lo misurano, i ricercatori immaginano che anche gli astronauti ne generino di più globuli rossi sostituire da terra. In caso contrario, rischiano una grave anemia e seri problemi di salute. Notano anche che la mancanza di globuli rossi ha scarso effetto finché il corpo è presente Assenza di gravità. Ma gli effetti dell’anemia tendono a raggiungere gli astronauti una volta gravità Dalla Terra – o da un altro pianeta – sentilo di nuovo.

READ  Un lanciatore Soyuz che trasporta due satelliti Galileo decolla dalla Guyana

Questo lavoro mostra anche che i livelli dei globuli rossi generalmente tornano alla normalità 3 o 4 mesi dopo il loro ritorno sulla Terra. Anche se un anno dopo, gli astronauti continuano a distruggere più di prima che rimanessero nello spazio. Fino al 30% in più, lo stesso. Qualcosa che suggerisca cambiamenti strutturali. E ha posto diverse domande – quale sarebbe l’effetto sulla dieta degli astronauti o anche, per quanto tempo il corpo potrebbe tenere il passo con quel ritmo, per esempio – al fine di Lunghe missioni su Marte Specialmente.

Questo lavoro potrebbe anche fare luce sulle condizioni di quei pazienti che hanno sviluppato anemia dopo un lungo periodo di riposo a letto. Senza che i medici capiscano il meccanismo. Il meccanismo potrebbe essere simile a quello che porta all’anemia spaziale.

Futura nelle stelleÈ un appuntamento imperdibile per gli appassionati di astronomia e spazio. Ogni 1° del mese, vieni a trovarci in un tour completo dei periodi del mese, con consigli per osservare al meglio ciò che sta accadendo nel cielo. Ti verrà presentato un episodio speciale pubblicato ogni 15 del mese per saperne di più su un oggetto o evento specifico che segnerà le notizie astronomiche e spaziali.

Interessato a quello che hai appena letto?