Luglio 5, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Giubileo Elisabetta II: ‘Abdicazione al rallentatore’, ‘Transizione implicita’, il principe Carlo si avvicina al trono

Questa celebrazione del giubileo di platino della regina Elisabetta II è un’occasione per celebrare una regina che è lì da 70 anni o per dire addio a una regina che presto partirà? chiede Francis Ballas, storico specializzato in monarchie.

La domanda riassume perfettamente lo stato d’animo che permeava Questi quattro giorni da festeggiare. Per motivi di salute, la regina dovette rimanere indietro (Anche se riesci a brillare in un video divertente con Paddington Bear).

Questa non è la prima volta. È rappresentata sempre di più dal principe Carlo. “Sulla maggior parte delle strade britanniche – non autorizzate, non scritte e non annunciate – la transizione è iniziata Scrive “corrispondente reale della BBC”..

Sulla maggior parte delle strade britanniche – non autorizzate, non scritte e segrete – la transizione è iniziata.

L’11 maggio, lo storico Ed Owens ha riassunto sul Guardian: “Ci aspettiamo di vedere di più del principe Carlo. Questa è una rinuncia lenta”.un “abdicazione al rallentatore. Era il giorno dopo il famoso discorso del trono, un discorso scritto dal governo ma solitamente letto dalla regina alla Camera dei Lord. Quest’anno la regina è stata bandita, per motivi di salute. Sostituito dal principe Carlo.

Storico

I commentatori hanno definito all’unanimità questo momento “dalla storiaLa regina lo mancò solo due volte durante il suo lungo regno, quando era incinta di Andrea e poi di Edoardo. Solequesto momento molto simbolico, per il principe Carlo, il ruolo.più vicino a un re Che ha dovuto sopportare. “Il Principe di Galles si ritrova reggente al trono se non di nome.Ed Owens ha scritto custode.

Il Principe di Galles si ritrova reggente, tranne che di nome.

Francis Pallas, un altro storico, non userebbe questo termine, perché la regina ha ancora il controllo: “La Regina autorizza le sue apparizioni pubbliche ma continuiamo a inviare al Castello di Windsor le famose scatole di pelle rossa contenenti le relazioni dei ministri, la corrispondenza diplomatica, ecc. È ancora quello che riceve il primo ministro ogni settimana”.

Molto simbolicamente, durante il discorso del trono, Carlo non era specificamente sul trono. Era seduto nel posto designato per la consorte, che era più piccolo. La corona era posta accanto ad essa, dove normalmente si sedeva la regina.Per mostrare dove risiede il potere“, Analizza mail giornaliera.

READ  Sasha Banks e Naomi: Maggiori dettagli sulla polemica!