Gennaio 24, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Giorgio Parisi, teorico italiano premio Nobel

Il Premio Nobel per la Fisica senza precedenti premia il lavoro sui cambiamenti climatici. Tra i tre vincitori c’è l’italiano Giorgio Parisi, teorico degli eventi irregolari.

Il 2021 è stato confermato come l’anno dell’incoronazione italiana. Poi Hit del gioco, L’Italia sale sul palco del Nobel. Martedì 5 ottobre il Premio Nobel per la Fisica 2021 è stato assegnato a due vecchi esperti, il 50% degli americani-giapponesi sul tema del riscaldamento globale, Sikuro Manabe e il tedesco Glass Hasselmann e l’altra metà dello scienziato italiano Giorgio Parisi. Un teorico eletto

Cerimonia di incoronazione per la vita di un fisico italiano

A lui va il Nobel per lo studio degli eventi irregolari, e soprattutto per “trovare la correlazione del disordine e delle fluttuazioni nei sistemi corporei dall’atomo alla scala planetaria”, ha detto la giuria. In altre parole, lo scienziato italiano ha aiutato a comprendere sistemi complessi come il clima.

Ma questo è stato il culmine della carriera del fisico romano, 73 anni, oggi affermato teorico dell’Università della Sabinza e preside dell’Accademia, uno dei più antichi istituti scientifici d’Europa. 1600, al tempo di Galileo.
Dallo studio delle particelle elementari all’inizio della sua carriera nel 1970, al suo lavoro sui “vetri a spirale” (queste leghe formate casualmente da un piccolo numero di impurità magnetiche), l’italiano ha sviluppato molti fondamenti. Contributo a vari campi della fisica moderna.

I tre vincitori si divideranno 10 milioni di corone svedesi, metà dei quali andranno a Giorgio Paris. Gli altri due sono stati premiati “per la modellazione fisica del clima terrestre, per la misurazione delle sue variazioni e per la previsione affidabile del riscaldamento globale”.

READ  Govt regala l'anti-vaccino con una finta mano italiana in silicone: non credete al suo trucco

Il Premio Nobel per la Fisica è stato assegnato l’ultima volta a un italiano nel 1984 da Carlo Rubia.