Cava de' Tirreni EVIDENZA Intervista Politica Salerno video

Galdi all’attacco: “Sono dei dilettanti allo sbaraglio”. Servalli: Galdi chieda scusa

Da una parte Marco Galdi dall’altra Vincenzo Servalli. Ex Sindaco e Sindaco. Galdi accusa di inconcludenza Servalli, l’attuale primo cittadino che sbotta e ordina: “Galdi chieda scusa alla Città per i tanti danni”.

Cava de’ Tirreni. Tutto è partito dalle incompiute che sono in valle metelliana. L’ex Sindaco Marco Galdi ne ha indicate due in particolare, tanto per iniziare: il palazzetto dello sport ed il ponte di Pregiato. Per Galdi, dopo un anno e mezzo di lavoro a Palazzo di Città , è inammissibile che nulla si sia fatto. Servalli invece addebita ogni ritardo alla passata gestione. 24 ore, una serie di botta e risposta, scintille tra i due che hanno riscaldato il clima freddo autunnale che ha avvolto da qualche giorno Cava de’ Tirreni.

Altra questione: fare il Sindaco significa lavorare per la Città

Per Galdi, l’attuale Sindaco interpreta il proprio ruolo come un classico lavoro statale fatto di ingressi ed uscite da Palazzo di Città. Per Servalli il Sindaco è anche il rappresentante della Città e che quindi ha necessità di intrattenere rapporti con altri Enti ed Istituzioni, come colleghi di altre Città o funzionari di Ministero. Da qui però, la stoccata di Marco Galdi: “Sorprendono le dichiarazioni del Sindaco Servalli in Consiglio comunale e viene da chiedersi: mentre Lui va in giro per “rappresentanza” … chi amministra la città?”.

Poche ore ed arriva la risposta del Sindaco.

Una risposta che però non smentisce le puntualizzazioni di Galdi che anzi, rilancia. “Arrivederci alla prossima puntata sulle incompiute”.  E, a Cava de’ Tirreni, c’è l’imbarazzo della scelta.

 

Scopri l'Autore

Antonio Ioele

Antonio Ioele

10 anni, tra Italia ed estero, tra radio, tv, carta stampata e web. Da febbraio 2017 sono il delegato dello "Studio Associato laRed" (P.IVA 05569100653), proprietario della testata giornalistica laRedazione.eu.

Il portale www.laredazione.eu è fisicamente alloggiato presso i server di Aruba S.p.A.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo:

Per continuare ad usare questo sito, devi accettare la politica di uso dei Cookie maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi