Novembre 27, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Formula 1 | Verstappen “si è goduto la battaglia” contro Hamilton in Brasile

Max Verstappen è arrivato secondo nel Gran Premio del Brasile dietro a Lewis Hamilton. Il pilota della Red Bull non è riuscito a contenere il suo avversario, ma inizialmente ha fatto il necessario per cercare di fuggire.

“Siamo partiti bene. Era davvero importante andare avanti e da lì ho solo cercato di gestire il mio ritmo e poi abbiamo avuto una safety car, una safety car virtuale. Per i relitti, altro” Verstappen ricorda.

“E a un certo punto Lewis era dietro di me e potevo vedere che aveva molta velocità, ed era difficile da seguire. Abbiamo preso le decisioni giuste, cercando di coprire la loro strategia, quindi non c’era molto da dire al riguardo. Siamo stati troppo lenti”.

“Questo fine settimana sono stati molto veloci sui rettilinei. Ovviamente devo risparmiare tempo nelle curve, ma è stato molto difficile per le gomme questo fine settimana in pista. Non è perfetto, ma comunque si sono bloccati, quindi è così . L’unica cosa che posso provare a fare è.”

Tuttavia, Verstappen si è divertito a questo combattimento: “Mi sono divertito. Certo che mi piacerebbe vincere ma penso che essere secondo con la mia difesa sia comunque soddisfacente”.

“Siamo ancora in testa al campionato. Puoi vedere chiaramente che un fine settimana tutto sta andando bene per te, e poi l’altro fine settimana tutto sta andando bene per loro. Spero che continui così per il resto della stagione. No, è succede ancora».

Una sconfitta non scoraggia gli olandesi

Verstappen si rese conto che Hamilton lo avrebbe attaccato non in linea retta, ma all’uscita S di Senna, per non dargli il DRS. E quando il britannico ha lanciato il suo ultimo attacco, Verstappen ha capito che non avrebbe opposto resistenza.

READ  Origi segna con un'ala di piccione e si qualifica con Liverpool, De Bruyne e Manchester City, sorpreso da Post Ham

“Il momento decisivo è stato quando abbiamo superato la curva 3 e sapevo che avrebbe attaccato perché era così vicino. Ma già, un paio di giri fa, stavo attraversando un periodo difficile. Trazione e gomme”.

“Quindi sapevo che sarebbe stata davvero dura, ma non si sa mai. Ho solo cercato di fare del mio meglio e sicuro che appena è passato ho tenuto duro cercando di tenere le gomme fino alla fine”.

Non era frustrato per aver dovuto rinunciare alla vittoria al suo rivale per il titolo, e dice che gli è piaciuto il combattimento. A prescindere dagli inizi, questa è stata la prima battaglia a ruote motrici in pista da quando i due si sono scontrati a Monza.

“Come ho detto, mi piace vincere ma puoi anche goderti la lotta. Ero un bersaglio un po’ facile, ma in qualche modo ho solo cercato di fare del mio meglio. In un certo senso, è divertente e interessante a volte per tutti coloro che lo guardano .”

Impossibile mancanza di velocità massima

Verstappen ammette che non pensava di essere molto indietro rispetto a Mercedes F1 e Hamilton questo fine settimana, ma non pensa che il suo rivale sarà in grado di guidare così veloce fino alla fine della stagione: “Mi sarebbe piaciuto essere un po’ più vicino, ma qui sembrava molto difficile per noi”.

“Prendere il nuovo motore dà loro un po’ di prestazioni all’inizio, ma lentamente tornerà alla normalità. Quindi forse sembra più importante ora, ma sono sicuro che tornerà alla normalità”.

Il secondo settore è stato il più inclinato a favore della Red Bull in gara, ma la Mercedes è stata formidabile nella prima e nella terza sezione e Verstappen non è riuscito a virare abbastanza in rettilineo da tenere a bada il suo rivale.

READ  Listienne è tornata nel gruppo standard!

“Al momento è difficile da dire. Non ci sono molte curve qui ma c’è molto deterioramento e, come ho spiegato prima, hanno preso un nuovo motore e questo ha dato loro un po’ più di prestazioni con questo motore.”

“Non ce l’abbiamo, e in un fine settimana come questo in cui le prestazioni in rettilineo sono così importanti, sono dovuto tornare indietro del tempo da qualche parte per cercare di essere al livello di Lewis”.

“Era nel settore centrale, dove sono le curve, e questo significava che dovevo consumare di più le mie gomme. A un certo punto le mie gomme non erano abbastanza adatte per provare a difendermi, ma è così”.

“Questo delta delle prestazioni si ridurrà a velocità in rettilineo, quindi non sono troppo preoccupato per questo. Non penso davvero che abbiamo fatto qualcosa di sbagliato”.