Dicembre 3, 2021

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Dopo essere stato sconfitto nei minuti di recupero dalla Serbia, Ronaldo e compagni andranno agli spareggi!


Estremamente deluso e sconfitto dalla Serbia (1-2) nelle qualificazioni ai Mondiali 2022 di domenica sera a Lisbona, il Portogallo dovrà disputare nuovamente gli spareggi per qualificarsi ai Mondiali organizzati in Qatar.

CR7 e compagni hanno mancato l’obiettivo: conservare il primo posto nel girone A nelle qualificazioni nella regione europea per volare direttamente nell’emirato e partecipare al torneo internazionale in programma dal 21 novembre al 18 dicembre 2022. Tuttavia, possono accontentarsi di un pareggio.

Il gol del portoghese, firmato dall’inizio da Renato Sanchez (il secondo), è stato quello che ha dato il tono a questa scossa, ma non è bastato. Balcani a fine partita (89).

Il portoghese, campione d’Europa nel 2016, è arrivato secondo nel suo girone con 17 punti, tre lunghezze di vantaggio sul rivale della sera, raggiante al fischio finale. Dovranno farsi del male con la pratica rischiosa di arginare come sulla strada per World-2010 e World-2014.

Il duello tra Seleção e le Aquile Bianche è continuato per tutto il periodo di qualificazione, con le due squadre incrociate che hanno condiviso il primo posto, molto più avanti delle altre squadre, e la Serbia ha finalmente avuto l’ultima parola alla fine della suspense.

obiettivo iniziale

E non è stato necessario arrivare in ritardo all’Estadio da Luz, senza capienza massima e tutto esaurito a oltre 58.000 spettatori, per vedere il Portogallo aprire le marcature.

Bernardo Silva, reduce da problemi muscolari, ha intercettato all’ingresso dell’area di rigore il pallone sul piede di Nemanja Godelli prima di passarlo a Renato Sanchez. Poi il centrocampista del Lille ha affondato un asse intero prima di sferrare, incontrastato, un colpo inarrestabile al portiere serbo Predraj Rajkovic (2, 1-0).

Dopo questo gol, i portoghesi hanno giocato sul sicuro riorganizzandosi alle loro spalle, lasciando l’iniziativa all’avversario. Ma questo non ha impedito ai serbi di avere occasioni, come il calcio cardine di Dusan Vlahovic per trovare la giusta posizione per Rui Patricio (12).

A causa della sofferenza, gli uomini di Fernando Santos sono stati logicamente puniti. Dusan Tadic riceve un cross dalla sinistra, cancellato da Joao Moutinho dalla distanza di 18 metri prima di tirare in porta.Rui Patricio ha sbagliato l’intervento sparando nella propria rete (33, 1-1).

Il portoghese ha provato a rispondere, ma il tiro di Moutinho in area di rigore è stato sormontato dal massimo grado dopo una mancata uscita di Rajkovic (42).

senza padronanza

Al rientro negli spogliatoi, la partita è ripresa a ritmo ridotto. Solo al 62′, prima che si presenti l’occasione, l’azione irrequieta di Renato Sanchez, ma il tiro del tirocinante di Lisbona è stato ben colto.

Il Portogallo si è accontentato di alcune incursioni nel campo serbo dimostrandosi ancora una volta collettivamente inadeguato e incontrollato nonostante la qualità dei giocatori che compongono le sue selezioni.

È stato punito senza sorprese, poiché la Serbia ha consolidato il proprio dominio alla guida di Aleksandar Mitrovic senza alcun controllo su Tadic (1-2, 89° posto).

Altra delusione in serata, Cristiano Ronaldo non è riuscito a segnare l’800esimo gol della sua carriera. Così solo, il suo contatore è rimasto bloccato a 798 unità.

Presente in tutte le principali competizioni internazionali a partire da Euro 2000, il Portogallo dovrà aspettare per giocare l’ottavo Mondiale della sua storia.

READ  Cristiano Ronaldo conquista un punto per il Manchester United e segue le orme di Van Nistelrooy