Maggio 20, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Formula 1 | Sainz è sorpreso di aver fermato Perez alla fine della gara di Miami

Al terzo posto al Gran Premio di Miami, Carlos Sainz ha visibilmente lottato fisicamente durante la gara, soprattutto in termini di colpi. Colpa, secondo lo spagnolo, dell’incidente durante le prove libere 2, oltre che del fatto che stava guidando pochissimo a Melbourne e Imola dove si è ritirato prematuramente.

“Sto bene. Ovviamente venerdì sono uscito da una grave caduta. Quindi non mi sentivo al 100% per la gara, ma forse c’è anche il fatto che non ho potuto fare entrambe le cose. Le ultime gare vanno dalla A alla Z. Quindi anche il collo lo sente. È una combinazione di queste due cose e probabilmente ho pagato un prezzo. È vero che in certi momenti della gara non potevo pagare il 100%”.

Al termine del Gran Premio, il pilota Ferrari è stato espulso da Sergio Perez della Red Bull che montava nuove gomme medie. Lo spagnolo ammette di essere rimasto sorpreso dalla sua resistenza anche alla bandiera quadrata.

“Sì, aveva un nuovo set di mod, io su un kit rigido consumato, aveva tutto sulle carte per passarmi, i primi due giri, tre giri, nella fase di riscaldamento delle gomme. Ma ero abbastanza sicuro che una volta che le gomme si saranno scaldate, “Forse posso stare più o meno avanti. Abbiamo fatto un buon lavoro in difesa, abbiamo gestito molto bene la batteria. Sono anche molto veloci sui rettilinei, il che non va Aiuta. Difesa dura ma giusta”.

Sainz ammette che non stava pensando di cambiare le gomme quando la safety car è entrata in pista, temendo di perdere la posizione a causa del messicano.

READ  Vincent Kompany après la défaite d'Anderlecht: "L'Union est une équipe overload intelligente"

“No, perché stavo per perdere la mia posizione con Checo e in generale si vuole mantenere la posizione, soprattutto con il podio in vista. Sapevo che Checo si sarebbe fermato perché avevano un nuovo treno di gomme medie in sostituzione che era un nuovo uso soft o hard per me, ma entrambi non erano perfetti per fare i restanti giri 10/12 quindi stavamo meglio con quella strategia che penso fosse la scelta giusta, perché alla fine siamo riusciti a tenerlo dietro .Ma era tirato perché aveva tutte le carte in regola per battermi. Quindi sì, sono rimasto un po’ sorpreso che alla fine siamo rimasti davanti a lui”.

Tornato sul podio dopo due ritiri consecutivi, Sainz dice di aver bisogno di un punteggio del genere per rilanciarsi.

“Non è molto comodo, ma è essenziale. Penso che dovessi recuperare un po’ di distanza da gara, ritrovare la forma del corpo e anche sentire la macchina con le gomme danneggiate e un forte carico di carburante. Stavo ancora facendo degli errori durante la gara, solo perché stavo cercando di trovare i limiti della macchina, in queste condizioni.L’importante è che abbiamo fatto una gara intera, ma in alcune fasi della gara ero molto veloce, c’erano anche le battaglie e le sensazioni con la macchina in una lotta con Checo, sai cosa fare con la batteria, con le gomme, penso che mi abbia dato una buona comprensione di cosa si dovrà fare in futuro”.