Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Fisica delle particelle: due rotture anomale

Approfondiamo questo argomento oggi con Mathilde Fontes, caporedattore della rivista scientifica ad EpsilonE Risultati di due esperimenti di fisica delle particelle.

franceinfo: Oggi parliamo di due dei più grandi esperimenti di fisica delle particelle, che stanno cercando di svelare i segreti della materia. Hanno appena pubblicato i loro risultati e sono entrambi negativi.

Matilde Fontes: Sì, i fisici hanno fatto il vuoto. La delusione è grande. Perché quei due esperimenti di fisica delle particelle sembravano, due anni fa, aver mostrato qualcosa di nuovo. Qualcosa di non previsto dalle leggi della materia che descrivono piccolezze infinitesimali: atomi, elettroni, tutte le particelle…

Questi esperimenti sembrano aver rilevato due anomalie. Anomalia è un termine positivo in fisica. Ciò significa che si sta manifestando un nuovo fenomeno. Che può aiutare a saperne di più, a descrivere meglio il materiale. Ad esempio, per scoprire nuove particelle, come questa materia oscura che sappiamo costituire l’85% della massa dell’universo – la vediamo nello spazio, perché influisce sul movimento di stelle e galassie – ma nessuno sa cosa sia fatto di …

E queste anomalie, dopotutto, non sono …

Questo è ciò che hanno escogitato oggi le due principali collaborazioni di fisici, che stanno conducendo questi esperimenti, uno dopo l’altro, a poche settimane di distanza. La prima anomalia è stata un segnale individuatoEsperienza allo xeno1, che consiste in un grande serbatoio pieno di xeno pieno di sensori, sepolto a 1.500 metri di profondità in Italia. I sensori sembrano aver rilevato la presenza di una particella sconosciuta.

il La seconda anomalia è stata scoperta all’LHC, il più grande collisore di particelle al mondo, al confine franco-svizzero. I fisici pensavano di aver notato un nuovo comportamento nelle particelle, che decadono e assumono forme inaspettate. Ma Ad ogni modo, i fisici oggi concludono che non ce n’è. Questi strani segnali sono in realtà… rumore di fondo.

READ  Una casa di cura sarà allestita nel Parc de l'Arsenal

Perché ci è voluto così tanto tempo per rendersene conto?

Perché questi segnali sono piccoli, e annegano nel diluvio di fenomeni causati dalle particelle ordinarie, quelle che conosciamo, che fanno parte della teoria. I fisici stanno cercando una leggera deviazione da ciò che prevede questa teoria della materia.

Perché sappiamo dagli anni ’80, e ancora di più dalla scoperta del famoso bosone di Higgs nel 2012, che questa teoria è quasi perfetta. Quasi tutto. Ma la ricerca continua. C’è ancora un’anomalia inspiegabile, chiamata anomalia g-2. Ricorda questo nome. I risultati dovrebbero essere pubblicati intorno a quest’anno.