Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Salute: come curare il cancro del rene “fuori dal corpo”

È il primo al mondo. Ed è francese. I chirurghi di Tolosa sono riusciti, “ex-vivo”, a curare tumori cancerosi nel rene di un paziente di 68 anni, per poi reimpiantare l’organo. Ciò ha permesso a questa donna di preservare i suoi reni e tornare alla vita normale.

Ottobre 2021. Tolosa. A una donna di 68 anni sono stati diagnosticati 6 carcinomi, di bassa aggressività, al rene sinistro e 4 al rene destro. Il paziente viene trattato immediatamente con termoablazione percutanea. È chiaro che la distruzione dei tumori con una fonte di calore è entrata attraverso la pelle.

Ma il risultato è raggiunto solo in parte: se nel rene destro, a sinistra, scompaiono tutti i tumori, per ragioni di accessibilità, tre sono ancora presenti e continuano a diffondersi. Inoltre, l’uretere veniva danneggiato da questo calore ed era necessario deviare l’urina attraverso la pelle (nefrostomia).

Mantiene i reni

Ecco perché l’équipe chirurgica dell’ospedale universitario di Tolosa ha proposto una tecnica innovativa. L’obiettivo: estrarre il rene con l’aiuto di un robot, rimuovere i tre tumori che si trovano sul “back table”, cioè sul tavolo accanto al paziente. Quindi il rene viene reimpiantato nell’addome inferiore collegato all’arteria iliaca e l’uretere viene reimpiantato in un’area sana. Il tentativo ha avuto successo perché l'”intervento mininvasivo” ha permesso di evitare un intervento chirurgico tradizionale, pesante e rischioso. “

“Questa eccezionale chirurgia robot-assistita, che ha permesso di trattare le cellule cancerose preservando i reni, ha evitato l’invalidità permanente al paziente che avrebbe dovuto convivere con una nefrostomia permanente”, hanno spiegato i medici. “Questa promettente strategia medica apre nuove possibilità nel trattamento di lesioni renali multiple e complesse”.

READ  Un mese senza tabacco e un gennaio secco, sii positivo invece di sentirti in colpa