Dicembre 10, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Festeggiamo 100 anni di assistenza sanitaria in francese a Moncton

IJL – Network.Press – Académie Nouvelle

100 anni fa, lunedì 3 ottobre 1922, con l’apertura dell’Hôtel-Dieu de l’Assomption, a Moncton venivano erogati i primi servizi sanitari in lingua francese.

In ottemperanza alle norme sanitarie, lunedì mattina presso il Centre University Hospital (CHU) Dr. Georges-L-Dumont è stato evidenziato l’avvio delle attività in occasione del centenario dell’assistenza sanitaria in lingua francese.

L’idea di celebrare questo centenario viene dal Consiglio dei medici del CHU e dal suo presidente, Luc Cormier. È stato formato un comitato organizzatore, co-presieduto dai dottori Chantal Arsenault e Gilles Beaulieu.

“Noi medici vogliamo, attraverso questa celebrazione, mettere in evidenza la coesione dei cittadini acadiani e francofoni”, ha affermato la signora delle cerimonie, la dott.ssa Linda LeBlanc, vicepresidente del Consiglio dei medici e dei dentisti del CHU. Vogliamo anche riconoscere il contributo delle nostre istituzioni educative, delle nostre comunità di fede e della nostra grande comunità francofona”.

Nel suo discorso video, il Presidente e CEO di Vitalité Health Network, la dott.ssa France Desrosiers, ha sottolineato l’importanza di questo risultato.

“Questo momento storico è l’occasione perfetta per guardare indietro al percorso che ha percorso, con le sue sfide, ma soprattutto i suoi successi, e spingerci verso il futuro, forti dell’esperienza che viviamo e della volontà collettiva di continuare percorso per migliorare l’assistenza sanitaria in lingua francese nella regione”.

Gerald Richard, che è stato nominato fiduciario quest’estate per sostituire il consiglio di amministrazione di Vitalité Health Network, ha parlato tramite collegamento video.

“Ci sono sempre alti e bassi nella storia, tempi più difficili e tempi molto belli. Il signor Richard ha rivelato che la pandemia, secondo me, e il suo impatto sul sistema sanitario e sui professionisti saranno tra i momenti più difficili della storia.

READ  Des cinéastes s'inquiétaient de la santé de Bruce Willis depuis quelque temps (médias)

Al centro di questa crisi, però, abbiamo assistito all’emergere di leader. L’esperienza dei team CHU è stata riconosciuta a livello di contea”, ha continuato il Sig. Richard.

Ha citato come esempio l’annuncio di un nuovo laboratorio provinciale di salute pubblica da costruire presso il CHU per migliorare il monitoraggio, le indagini e le misure di mitigazione della salute pubblica.

“È qualcosa di cui dovremmo essere tutti orgogliosi”, ha detto, aggiungendo di essere fiducioso per il futuro.

“In questo tempo di pandemia, è essenziale prendersi cura dei malati, ma è anche essenziale prendersi cura del personale. Le attività che circondano il centenario contribuiranno sicuramente in modo significativo a questo”, ha affermato il Ministro per gli enti locali e locali. Riforma del governo, Daniel Allen.

“Cento anni di salute in francese a Moncton meritano di essere celebrati con stile. Sono convinto che le celebrazioni saranno un successo grazie al lavoro del signor Beaulieu e del dottor Arsenault. Altri cento anni per favore nell’assistenza sanitaria in francese”, ha aggiunto il ministro Allen.

Il ministro federale Dominique LeBlanc ha consegnato un messaggio sincero.

“Ogni giorno, all’interno del nostro sistema sanitario vengono raccontate meravigliose storie di resilienza e generosità. Il ministro LeBlanc ha testimoniato, io stesso ne sono la prova vivente. Sarò per sempre grato per le cure e le cure straordinarie che le persone del reparto di oncologia mi hanno dato .”

Logo e attività

Il comitato organizzatore ha svelato il logo del centenario. Sotto il tema “Raccolta, preoccupazione e innovazione”, il design del logo evoca l’evoluzione dell’istituzione nel tempo, nonché la sua identità acadiana e francofona.

READ  Come evitare la contaminazione da CMV durante la gravidanza?
I co-presidenti del comitato organizzatore, Gilles Beaulieu e la dott.ssa Chantal Arsenault. Nuova Acadia: Mario Tardev

“Per celebrare il nostro centenario, daremo uno spettacolo a Notre-Dame de la Assumption, forse nel maggio 2023”, ha affermato Dre Arsenault, co-presidente del comitato organizzatore. Sarà un evento unificante alla portata della comunità; Vogliamo renderlo il momento clou del centenario”.

La dottoressa Arsino ha eseguito la canzone del centenario da lei composta.

“Oggi ho un cuore da festeggiare nonostante il peso che la pandemia ha gravato sul sistema sanitario. Dobbiamo celebrare il fatto che siamo ancora in piedi 100 anni dopo e che il futuro è nostro”, ha detto.

Un simposio si terrà anche presso l’Università di Moncton nel febbraio 2023. Il comitato organizzatore spera che il centenario sia un’opportunità per riflettere sul futuro e garantire il continuo sviluppo di CHU Dr. Georges-L.-Dumont.

“Volevamo anche esplorare le possibilità di dipingere il lato Vanier della nuova sala operatoria con un murale colorato come eredità del centenario”, ha affermato la dott.ssa Chantal Arsenault.

un po’ di storia

I primi punti di riferimento dei servizi sanitari in lingua francese sono stati posti a Moncton dalla Congregazione delle Suore della Provvidenza. Il 3 ottobre 1922, le sorelle accolsero la loro prima paziente, Bella LeBlanc, in questo nuovo ospedale da 17 posti letto in Church Street.

La necessità di ampliamento si fece presto sentire e nel 1928 fu aperto il nuovo Hôtel-Dieu, nell’attuale sede del CHU; Allora l’ospedale aveva 125 posti letto.

Le Suore della Provvidenza hanno gestito questo ospedale fino al 1967.

“La comunità acadiana e francofona sarà loro sempre grata per aver garantito l’accesso all’assistenza sanitaria a livello locale e in francese”, ha affermato Gilles Beaulieu, co-presidente del comitato organizzatore.

READ  I pinguini sono davvero monogami?

Nel 1967, il governo del New Brunswick acquistò l’Hôtel-Dieu e annunciò la creazione del Dr. Georges-L.-Dumont Regional in futuro, inaugurato nel 1975. Aveva una capacità di 273 posti letto.

Nel 2010 l’ospedale è stato classificato come ospedale universitario. Ora ha 302 posti letto.