Febbraio 3, 2023

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Eva Kylie è riuscita a baciare sua figlia e giocare con lei per più di due ore

Per alcune ONG era incomprensibile impedire a una madre di vedere sua figlia. Questa, invece, è la situazione di Eva Kayla, europarlamentare al centro di uno scandalo di corruzione. In carcere dal 12 dicembre, la sua richiesta di incontrare la piccola Arianna, 22 mesi, non ha avuto riscontro positivo. Adesso è fatto.

Venerdì la giovane donna greca ha potuto trascorrere del tempo con sua figlia nella prigione di Haren, dove si trova. Secondo il suo avvocato, Michalis Dimitrakopoulos, Eva Kaylie è stata felice di ritrovarla finalmente, dopo un mese di separazione, si legge a La Reppublica.

Questo momento ha permesso di rimanere invischiato nella squallida vita quotidiana dell’eurodeputato. Tuttavia, madre e figlia non erano sole, poiché all’incontro dovevano partecipare due psichiatri. Ricordiamo che è stata anche una carenza di personale addotta a pretesto per rifiutare la prima domanda di ricongiungimento presentata durante le vacanze.

È previsto un secondo incontro

Secondo Me Dimitrakopoulos, “madre e figlia hanno giocato insieme per circa due ore e 20 minuti”. Descrive anche l’atmosfera: “La stanza era molto piacevole e non sembrava di essere in una prigione. Nelle foto di Star News, la sala riunioni in realtà sembra più un’aula che una stanza di prigione.

All’indomani di questo incontro, l’avvocato greco annuncia anche che questo è stato il loro primo incontro e che Ariadna ritroverà sua madre “nei prossimi giorni”. A breve sarà presentata una nuova domanda.

Addio doloroso

Michalis Dimitrakopoulos aveva già testimoniato che la separazione è stata molto difficile per il suo assistito. Secondo Star TV, ha spiegato che “il momento dell’addio è stato doloroso per Eva, ma fortunatamente il bambino non ha capito niente”.

Anche allora, Eva Kaylie non capiva perché le fosse proibito vedere sua figlia e quelli intorno a lei vedevano questo come un mezzo di pressione su di lei per ottenere la sua confessione.

Dall’arresto di Eva Kaili e del suo compagno Francesco Giorgi, la ragazza è stata con il nonno materno, Alexandros Kaili. È stato lui a portarla in taxi alla prigione di Haren nel tardo pomeriggio di venerdì per vedere sua madre. Sono arrivati ​​alle 16:20 e sono partiti tre ore dopo, alle 19:20.

Mercoledì il padre dell’eurodeputato e la sua campagna saranno chiamati a testimoniare davanti alle autorità giudiziarie belghe. Il 9 dicembre, Alexandros Kaili è stato arrestato con una valigia piena di soldi di sua figlia. Poi è stato rilasciato.

Quanto a Eva Kylie, dovrà chiedere nuovamente, a fine mese, di porre fine alla custodia cautelare in cambio degli arresti domiciliari con braccialetto.

Si noti che se la carenza di personale impedirà alla richiesta di Eva Kylie di vedere sua figlia, lo sciopero paralizzerà nuovamente le carceri del Paese il 10 e 11 gennaio.

quello.

READ  "Sarà molto difficile cacciare le forze russe": il capo di stato maggiore Usa teme che la guerra in Ucraina possa continuare