Giugno 30, 2022

Laredazione.eu

Trova tutti gli ultimi articoli e guarda programmi TV, servizi e podcast relativi all'Italia

Estensione nucleare: “Angie dovrebbe smettere di giocare con i piedi del governo”, afferma Paul Magnet

Per il capo del Partito socialista le trattative finiscono quando “a una multinazionale non interessa un governo”.

Tempo di lettura: 2 minuti

ioAngie deve smetterla di giocare con i piedi del governo. I negoziati stanno andando bene da un po’, ma quando una multinazionale non si preoccupa di un governo, il presidente del PS Paul Magnette ha detto domenica sul set di RTL-TVi Guest, è finita.

“Quando ero ministro dell’Energia avevo un piano molto semplice che non avrebbe mai potuto essere attuato perché a quel tempo Alexandre de Croo staccò la spina dal governo federale ma quel piano esiste ancora: Engy è costretta a produrre a prezzo fisso, un certo quantità di elettricità nucleare; ha spiegato che il governo acquista questa elettricità a un prezzo fissato dal regolatore e poi la rivende a privati ​​e aziende a un prezzo inferiore al prezzo attuale.



La scorsa settimana, il presidente della N-VA Bart de Wever ha accusato il ministro dell’Energia Tinne Van der Straeten (Groen) di voler sconfiggere i negoziati con Engie sui termini per l’estensione dei reattori nucleari Doel 4 e Tihange 3, ha detto al gruppo VTM, a proposito di i colloqui che aveva avuto il ministro Groen e il primo ministro Alexandre de Croo con Engie, la compagnia energetica francese che gestisce il potere. Stazioni via Electrabel. Gli ambientalisti hanno confutato questa accusa.

READ  Clap de fin pour l'un des plus gros réseaux IPTV d'Europe